FIFA, Infantino indica la via: «Considerare i tifosi e lavorare per loro»

infantino fifa
© foto www.imagephotoagency.it

Il presidente della FIFA Infantino: «Calendario? Dobbiamo farci della domande, considerare i tifosi e lavorare per loro»

A margine del 44esimo congresso annuale UEFA, il presidente della FIFA Gianni Infantino ha rilasciato alcune dichiarazioni sulla necessità di ridefinire calendari ed eventi, alla luce del caos scoppiato dopo l’emergenza Coronavirus: «Dobbiamo discutere del calendario delle partite internazionali, soprattutto per quanto riguarda quello maschile. Dobbiamo farci delle domande, che magari negli anni passati abbiamo evitato di porci. Quante partite può giocare un calciatore? Di quale tipo di competizioni abbiamo bisogno? Giochiamo troppo in alcune parti del mondo e troppo poco in altre?».

«Ci sono tante questioni – prosegue Infantino – stiamo parlando di un fenomeno globale. E dobbiamo considerare i tifosi, che sono il cuore pulsante del calcio: dobbiamo lavorare per loro, e offrire loro quello che vogliono davvero vedere. Coronavirus? Non si può non menzionarlo. Alcuni di voi devono prendere decisioni importanti, chiunque organizzi una competizione deve farlo. Dobbiamo seguire le indicazioni delle autorità, ma non farci prendere dal panico. Qualcuno mi ha detto che il calcio può essere un antidoto: non mi spingerei così tanto, ma il calcio può esserlo per altri problemi. Penso al razzismo: è una lotta che dobbiamo vincere».