FIGC, nasce il Fondo Salva Calcio. Gravina: «Iniziativa senza precedenti»

Gravina Serie A FIGC Cassa integrazione
© foto www.imagephotoagency.it

FIGC, è stato ufficialmente istituito il Fondo Salva Calcio. Il presidente Gravina orgoglioso: «Iniziativa senza precedenti»

Parallelamente al ritorno in campo nelle serie professionistiche, la “fase 3” del calcio italiano inizia ufficialmente oggi con l’istituzione del Fondo Salva Calcio da parte del Comitato di Presidenza della FIGC. Su proposta del presidente Gabriele Gravina, infatti, l’organo amministrativo della Federcalcio vara un progetto straordinario, articolato e particolarmente consistente, la cui definitiva approvazione sarà portata nel Consiglio Federale di lunedì 8 giugno. La solidità patrimoniale e la disponibilità finanziaria della FIGC ha consentito un intervento diretto in favore dei Club, di calciatrici/calciatori e dei tecnici di Serie B, Serie C, Lega Dilettanti e calcio femminile per fronteggiare la crisi generata dall’emergenza Covid-19 per complessivi 21 milioni e 700 mila euro.

Gravina ha commentato così la novità: «È un’iniziativa che non ha precedenti e rappresenta una grande assunzione di responsabilità che la FIGC prende in favore del sistema calcio nel suo complesso. Si tratta di uno stanziamento diretto la cui entità fungerà sicuramente da volano per la ripresa». Nello specifico, la Federazione ha previsto di destinare le seguenti risorse:

  • fino a 5 milioni di euro per il sostegno alle società di Lega B;
  • fino a 5 milioni di euro per il sostegno alle società di Lega Pro;
  • fino a 5 milioni di euro per le società della LND;
  • fino a 3 milioni di euro ai calciatori e fino a 3 milioni di euro ai tecnici e ai preparatori attraverso il riconoscimento di un contributo unico al Fondo di Solidarietà calciatori, allenatori e preparatori atletici;
  • 700mila euro alle società della Divisione Calcio Femminile, per il sostegno alle società finalizzate alla ripresa e al completamento delle attività della stagione sportiva 2019/2020.