Fiorentina-Sampdoria, Giampaolo: «Paghiamo leggerezze difensive»

giampaolo turnover
© foto www.imagephotoagency.it

Fiorentina-Sampdoria, Giampaolo commenta la gara disputata al “Franchi”. I blucerchiati escono agli ottavi, il commento del tecnico

Marco Giampaolo è amareggiato per la sconfitta maturata tra le mura del “Franchi” di Firenze. La squadra non gli è piaciuta, soprattutto nel primo tempo, non c’è stato il ritmo, non sono stati rispettati i principi tanto cari al tecnico doriano. La disamina nel post partita, ai microfoni di Rai Sport, tiene conto di tutto. Nessun processo, ma critiche che devono far capire ai ragazzi che bisogna sempre tenere a mente il discorso che si porta avanti da un anno e mezzo. Giampaolo parte da quello che non lo ha convinto: «Il primo tempo non mi è piaciuto, abbiamo giocato al 50% delle nostre possibilità dal punto di vista mentale e fisico. Siamo stati fortunati a pareggiare, ma non abbiamo messo in campo contenuti. Il secondo tempo mi è piaciuto perché non ci siamo risparmiati e abbiamo fatto le cose come si deve: siamo stati poco fortunati in qualche situazione offensive e abbiamo pagato a caro prezzo le leggerezze difensive. Si poteva andare tranquillamente ai supplementari invece siamo stati carenti in fase difensiva».

«Zapata nel primo tempo non mi è piaciuto, poi è cresciuto nel secondo tempo giocando di più e essendo più partecipe. Sta facendo un grande campionato, non è sotto processo. Tutti devono migliorare, non è lui il problema: stasera poi avevamo solo lui e Caprari perché Quagliarella e Kownacki sono infortunati. Il problema è che non siamo stati all’altezza. La Sampdoria se non si esprime al massimo è una squadra normale che presenta delle lacune, dobbiamo sempre dare il 100% per non far venire fuori le nostre debolezze. Ultimamente subiamo qualche gol di troppo, nella rosa ho due giocatori per ruolo quindi penso che sia completa bisogna però migliorare. Adesso che abbiamo una sola competizione, tre giocatori per ruolo sono fin tanti. Subire un gol così, con leggerezza, è stata la fotografia del primo tempo, non possiamo permetterci di giocare sotto ritmo se no dobbiamo cambiare totalmente il nostro modo di giocare. Dobbiamo salvare i nostri principi e portarli fino alla fine della stagione. Alvarez ha risentito della non prestazione dei suoi compagni di squadra nel primo tempo, qualcuno paga lo scotto con la sostituzione ma non sempre chi esce è il peggiore».