Fiorentina-Sampdoria, Giampaolo: «Insensato il mercato a fine agosto. Ho consigliato Schick»

Giampaolo Sampdoria
© foto Valentina Martini

Fiorentina-Sampdoria, Giampaolo sul match e sul mercato in entrata: se parte Schick, indispensabile un quarto attaccante

Marco Giampaolo sorride davanti alle telecamere di SkySport. La sua Sampdoria ha offerto una buona prova contro la Fiorentina, dando continuità al risultato maturato contro il Benevento alla prima giornata. Sei punti, bottino pieno e la pausa che arriva in un momento provvidenziale, come afferma il tecnico blucerchiato: «La cosa più importante è che c’è la sosta e siamo più sereniI margini di miglioramento non li conosco, la squadra è da un anno che lavora insieme. I singoli dipendono dalle qualità individuali, migliorando quelle si migliorerà anche il collettivo. Mi hanno comprato bravi difensore, sanno lavorare quelli dello scouting».

Testa subito alla prossima partita, i blucerchiati incontreranno la Roma e potrebbero ritrovare Schick da avversario. Il trasferimento non è ancora avvenuto, come sottolinea Giampaolo che ha comunque consigliato all’attaccante ceco di ponderare bene quale scelta fare: «Con Schick ho parlato prima di partire per Firenze, mi ha detto che era confuso. Credo che abbia cinque o sei pretendenti di altissimo livello tra cui scegliere, capisco che sia in confusione a vent’anni. Mi sono permesso di dirgli che sarei contento se rimanesse, ma che se deve cambiare squadra dovrebbe scegliere il club più vicino al suo stile di gioco. La Roma penso che potrebbe essere uno di questi, non se lo vogliono schierare come ala, anche l’Inter gioca con un modulo adatto a lui. Se deve andare a giocare ala, forse è meglio che resti alla Sampdoria. Schick è una seconda punta. Per me comunque non ha senso il mercato fino alla fine di agosto, non va bene. Se Schick parte dobbiamo comprare un attaccante, siamo solo in tre davanti: Caprari, Quagliarella e Kownacki che è un ragazzo di diciotto anni. È indispensabile».