Gabbiadini compatta la Samp: «Giochiamo in 25»

gabbiadini inter-sampdoria
© foto www.imagephotoagency.it

Gabbiadini dopo Inter-Sampdoria: «Dovevamo tenere il pareggio, ma questo è un gruppo ben collaudato che gioca in 25»

INTER-SAMPDORIA: GLI HIGHLIGHTS
INTER-SAMPDORIA: SINTESI E TABELLINO
INTER-SAMPDORIA: LE PAGELLE

Neanche il tempo di abituare i tacchetti all’erba di San Siro, che Manolo Gabbiadini aveva già scaraventato il pallone in rete per il momentaneo 1-1 contro l’Inter. Secondo gol per l’attaccante della Sampdoria, alla sua seconda avventura in blucerchiato, che però non è riuscito a evitare la sconfitta: «Sono arrivato in una squadra che sta già andando bene, collaudata. Giampaolo lavora con questi giocatori già da tre anni, quindi devo essere veloce a entrare nei meccanismi e in qualche modo ci sto riuscendo. Riguardo a stasera – spiega l’ex Southampton – forse dovevamo essere più duri e concreti a tenere il pareggio, e poi provare a fargli male di nuovo perché ci stavano concedendo spazi».

Il suo ritorno nel calcio italiano è stato subito da protagonista: «Sicuramente due anni in più di esperienza aiutano, poi l’intensità e la cattiveria con cui vai ad approcciarti alle partite. Maglia da titolare? La squadra funziona bene. Che giochi dall’inizio o in corsa, è importante che arrivi la vittoria. Quagliarella? Di sicuro uno dei più forti con cui abbia mai giocato, ho avuto la fortuna di giocare anche con Higuain, ma non sottovalutiamo gli altri: anche Greg (Defrel, ndr) fa un grandissimo lavoro, così come Caprari e Sau, Siamo un gruppo ben collaudato che gioca in 25, e chiunque scenda in campo fa bene», ha concluso Gabbiadini.