Connettiti con noi

Hanno Detto

Giampaolo: «Ho in mano la squadra. Mi incazzo se non giochiamo»

Pubblicato

su

Marco Giampaolo, tecnico della Sampdoria, ha fatto il punto sulla partita contro la Juventus: le dichiarazioni in conferenza stampa

Marco Giampaolo, tecnico della Sampdoria, ha fatto il punto sulla partita contro la Juventus: le dichiarazioni in conferenza stampa.

RISPOSTA POST UDINESE«Su quello che è stata la mia risposta sabato ‘Non ho capito dove sono’ ho dato un po’ di materiale alla stampa o ai social. È chiaro che mi rivolgessi ai miei calciatori. Se io torno alla Samp, dove sono stato tre anni, so dove sono. Conosco la realtà Samp in ogni particolare però ci sta anche che poi venga strumentalizzato».

SITUAZIONE«Non è che mi sono svegliato alla mattina e ho detto ‘Adesso vado lì a bere champagne e fare festa’. La situazione nostra la conosciamo. So che bisogna lottare, alzare il livello e giocare ogni partita come se fosse l’ultima. Conosco la situazione in cui siamo. Ne perderemo ancora altre, non è il problema della partita persa. Pongo l’attenzione sulla prestazione, è questo il messaggio che voglio far passare e che deve essere chiaramente diverso. Le partite sono dieci e vanno tutte giocate al 100%».

CALCIATORI«Se io pongo l’attenzione o sottolineo il comportamento di un mio calciatore, penso di potermelo permettere per la conoscenza del calciatore, per i rapporti che ci sono con i giocatori perchè questo non è uno spogliatoio nuovo per me; è uno spogliatoio che conosco. Se alzo il livello non è per precostituirmi alibi verso uno, due o tre calciatori. La mia storia qui alla Samp insegna che quando tutti sono contro un calciatore io cerco sempre di recuperarlo o difenderlo. E di esempi ce ne sono tanti. Se sottolineo uno o due calciatori è perchè ho stima e fiducia, perchè so che quei giocatori possono cambiare le sorti. E perchè magari devo alzare anche il livello dentro lo spogliatoio. La gestione della squadra ce l’ho io e penso anche di potermelo permettere. Non si ricorda nella mia carriera che io abbia scaricato pubblicamente un mio calciatore. Preoccupati se non dico niente»

JUVENTUS«La Juventus è una squadra che sa prendersi le cose dentro una partita. E non lo devo direi io. Lo dice la sua storia e il campionato che sta conducendo fino ad oggi. Allegri l’ha rimessa in rotta dopo un inizio così così, oggi è una squadra consapevole e forte. Io mi appello sempre a quello che dico sempre ai ragazzi: prestazione e collettivo, collettivo e prestazione. Non puoi giocare contro la Juventus sul piano individuale, non puoi non fare una prestazione all’altezza della situazione e poi il livello di attenzione in queste partite non può mancare. La Juventus è una squadra che se ha bisogno di spingere 50 lo fa, se deve spingere 80 lo fa, se deve gestire sa gestire, è una squadra che ha la consapevolezza di come si giocano le partite. Poi ultimamente ha incontrato squadre che hanno aspettato, ha incontrato squadre che sono andate ad aggredirle ad oltranza, ha incontrato squadre che hanno palleggiato, ha incontrato squadre con atteggiamenti tecnico-tattici diversi ma alla fine la Juve le ha sempre portate a casa. Significa che è una squadra che sa prendersi le cose dentro la partita ma questo non significa niente perchè da quando sono arrivato dico che le partite vanno giocate tutte senza guardare in faccia l’avversario. E quando mi incazzo è perchè voglio fortemente far passare questo concetto. Non ci devono essere partite da pronostico. Non esistono».