Giampaolo fiducioso: «Sempre creduto in Caprari». Scintille con Quagliarella

Giampaolo si complimenta: «I nuovi si sono integrati, bravo Caprari. Quagliarella? Rispetti le scelte, altrimenti mi incazzo io»

La Sampdoria manca l’appuntamento con la terza vittoria consecutiva e si accontenta di un buon punto ottenuto questa sera contro la Fiorentina, grazie a una magia di Caprari che ha risposto alla rete del Cholito Simeone. Il tecnico blucerchiato Marco Giampaolo ha commentato così l’1-1 del “Ferrraris”: «La Fiorentina è una squadra forte, la Sampdoria ha fatto una grande partita, soprattutto dopo essere andata in svantaggio, e abbiamo anche avuto ottime occasioni nel secondo tempo. È stata una gara dura e dispendiosa – ammette in conferenza stampa – ma sono contento e fiducioso. Siamo cresciuti rispetto all’inizio, è cresciuta la tenuta fisica e i nuovi si sono integrati. L’anno scorso ci è mancato qualche pareggio fuori casa, ma questo risultato è importante perché ci mette nella condizione di fare valutazioni. Mi sono piaciuti i contenuti mentali e tecnici. La squadra ha sempre tentato di giocare e non ha mai mollato. Ringrazio tutti i tifosi che sono venuti a sostenere la squadra con calore e attaccamento».

Giampaolo prosegue parlando di Gianluca Caprari, anche oggi autore di un gol bellissimo che è valso il pareggio: «Ho sempre detto che è forte, anche quando non giocava o sbagliava qualche partita. Deve credere di più in se stesso. Non regalo parole a nessuno, lo dico perché ci credo e lo sento. Inter? La mia unica preoccupazione è far recuperare le energie alla mia squadra. Loro sono forti e ci dobbiamo giocare tra due giorni, ma non possiamo scappare. Praet è un giocatore forte, Sala è cresciuto molto nel secondo tempo e gli ho detto che non l’avrei sostituito. Ha dimostrato di avere gli attributi, nonostante i fischi e l’ammonizione. Andersen? È forte, lo alleno da un anno e ho deciso di puntare su di lui. Se lo propongo da titolare, è perché ci credo».

A macchiare, invece, l’ottima prestazione di Quagliarella è stata la sua reazione alla sostituzione. Giampaolo ha deciso di far entrare Kownacki al suo posto, e il numero 27 blucerchiato non l’ha presa bene, uscendo visibilmente scontento e lanciando la fascia da capitano addosso a Barreto: «Capisco il calciatore – ha dichiarato il tecnico ai microfoni di Sky Sport – io sono sempre dalla parte loro, ma devi rispettare la sostituzione, altrimenti mi incazzo io».

Articolo precedente
pioli fiorentina ponte morandiFiorentina sul luogo della tragedia: omaggio alle vittime di ponte Morandi
Prossimo articolo
Caprari illumina un Ferraris che vince sulle polemiche