Connettiti con noi

Hanno Detto

Guerra Ucraina: missili su Kiev, si moltiplicano i morti. Zelensky: «Siamo soli»

Pubblicato

su

Guerra Ucraina: missili su Kiev, si moltiplicano i morti. Zelensky: «Siamo soli». Situazione tragica anche nella capitale

L’esercito russo è alle porte di Kiev, più precisamente a 30 kilometri dalla capitale ucraina. Intanto una pioggia di missili ha colpito la città. Le sirene hanno risuonato anche poco fa e la popolazione è stata invitata a raggiungere i rifugi antiaerei.

L’Ucraina riferisce di 137 soldati uccisi e 316 feriti dall’inizio dell’invasione e parla di 800 uomini persi dalle forze russe, che invece non hanno finora fornito alcun dato sulle vittime dell’invasione iniziata poco più di 24 ore fa. Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha emanato ieri sera un decreto che dispone una “mobilitazione generale” di tutti gli uomini tra i 18 e i 60 anni di età, ai quali è stato fatto divieto di lasciare il Paese. Lo riferisce l’Ansa.

Lo stesso Zelensky aveva fatto sapere nella serata di ieri che “forze nemiche di sabotaggio” erano entrate a Kiev avendo come obiettivi lui e la sua famiglia. “Ma io resto qui“, ha detto, aggiungendo polemicamente che l’Ucraina “è stata lasciata sola” a combattere la Russia.