Connettiti con noi

News

Guida alle scommesse live sulle partite

Pubblicato

su

Il mondo delle scommesse è stato di recente rivoluzionato da una nuova forma di gioco: si tratta delle scommesse live, una versione considerata più dinamica e vivace del betting tradizionale.

Betting in-play: che cosa significa?

Il concetto di scommessa oggi sta subendo una grande mutazione, rispetto al sistema di betting più classico. Secondo il metodo di scommessa canonico, infatti, è possibile puntare sul risultato di un evento sportivo solo prima che esso inizi, spesso su portali di betting e su siti di scommesse non aams o garantiti da adm, per ottimizzare le tempistiche delle puntate rispetto alle sale fisiche. In seguito, lo spettatore può fare ben poco, e finisce spesso per disinteressarsi del match in sé, poiché non può fare nulla con – o contro – tutti quegli imprevisti (quali espulsioni, rigori, falli e infortuni) che caratterizzano e rendono unica una partita. L’unica cosa che gli resta da fare è attendere il risultato, per scoprire se ha scommesso bene – o no – il proprio denaro.

L’atteggiamento dello scommettitore cambia radicalmente con quelle scommesse che, invece, vengono condotte durante lo svolgimento della partita, prima della sua conclusione e dunque indipendentemente, nella maggior parte dei casi, dall’esito finale. Si tratta di scommesse live, che ruotano intorno a tutte quelle variabili capaci di influenzare enormemente una partita in corso, e che uno scommettitore tradizionale può soltanto subire, senza possibilità di adattarsi a esse. Questi stessi eventi diventano oggetto di puntate e quote estremamente dinamiche e vivaci, per un sistema di betting (definito betting in-play, proprio perché condotto durante il gioco stesso) più coinvolgente rispetto a quello classico.

Due modi diversi di guardare il gioco

L’approccio di uno scommettitore tradizionale e quello di uno scommettitore in-play sono molto diversi. Nel primo caso, vengono valutati degli elementi che, invece, spesso sono trascurati nella seconda modalità di betting. Una scommessa classica, a meno che non sia dettata da una speranza particolarmente forte, o da un intenso sentimento da tifoso per la propria squadra del cuore, di solito si basa su analisi statistiche, pronostici, conoscenza approfondita delle partite precedenti assimilabili a quella su cui si intende puntare e molti altri elementi tecnici che rendono il sistema più freddo e meno coinvolgente. Non è dunque raro che uno scommettitore, in questo caso, finisca per non seguire i match su cui ha puntato, interessandosi solo all’aggiornamento del risultato, fino a quello conclusivo.

Il betting in-play, invece, prevede una maggiore attenzione all’evento in corso, che dunque dovrà essere seguito in ogni sua sfumatura da chiunque si interessi di scommesse live. In questo senso, il risultato finale è soltanto un elemento accessorio, perché il vero senso dei diversi tipi di scommesse in-play è quello di puntare su tutti gli altri elementi che contribuiscono a rivoluzionare una partita. I dati su cui si scommette sono dunque altri: il team che segna il primo gol; il tempo entro cui viene segnata la prima rete (indipendentemente dalla squadra che segna, o puntando anche su di essa); il numero di tiri dalla bandierina effettuati in un certo lasso di tempo; i rigori concessi, i falli effettuati o subiti da una delle due squadre; questi e molti altri dati – che contribuiscono certamente alla storia della partita e alla definizione del suo risultato finale – sono i veri protagonisti di una scommessa live.

Data l’attenzione a questo genere di informazioni, la necessità di seguire attentamente il gioco e adattarsi ai diversi contesti delineati di minuto in minuto è essenziale sia per chi effettua sia per chi gestisce le scommesse. La vivacità di questi elementi rende enormemente variabili anche le quote: alcune possono crollare rapidamente fino a sparire nel giro di pochi istanti, ma altre possono crescere più di quelle che interessano una tradizionale scommessa pre partita. Da questo dato, deriva anche un giro di denaro maggiore rispetto al betting classico; tuttavia, non è questo l’elemento che ha contribuito alla diffusione di questa forma di gioco.

Infatti, a cambiare in meglio è proprio l’interesse degli scommettitori verso la partita in corso: gli spettatori non sono più vincolati al solo risultato finale della competizione, ma possono seguire tutto il match mantenendo elevato il proprio interesse (a meno che non decidano di dividere la propria attenzione tra partite differenti, magari appartenenti anche a categorie sportive diverse). Crolla drasticamente, infine, anche il rischio di soccombere davanti a partite combinate e incontri truccati, poiché la possibilità di scommettere live si adatta anche a quegli incontri in cui “qualcosa non torna” e che destano non poche perplessità negli spettatori.