Il Covid ha cambiato ma non ha fermato il calcio. Come si riparte nel 2021?

Iscriviti
Sampdoria Serie A
© foto www.imagephotoagency.it

Protocolli, tamponi, positività e qualche polemica: il Covid ha messo a dura prova il calcio italiano. Come si riparte nel 2021?

Il calcio è cambiato ma non si è fermato, questa è una delle poche buone notizie sportive di un 2020 da dimenticare. Il Covid è entrato a gamba testa anche sulla Serie A come sulle vite di tutti, silenzioso e subdolo, stravolgendo routine e abitudini che ormai davamo giustamente quasi per scontate. Il primo lockdown ha colto tutti alla sprovvista, compreso un sistema calcio impreparato a dover gestire una situazione imponderabile, ma lentamente le istituzioni hanno iniziato a lavorare per un futuro che no poteva permettersi altri stop.

La Federazione italiana, sulle base delle indicazioni del Governo e del CTS si è presa la responsabilità del protocollo “Indicazioni generali per la pianificazione, organizzazione e gestione delle gare di calcio professionistico in modalità ‘a porte chiuse’, finalizzate al contenimento dell’emergenza epidemiologia da Covid-19”.

LEGGI L’ANALISI COMPLETA SU CALCIONEWS24