Inter-Sampdoria 1-2: pagelle e tabellino

quagliarella sampdoria
© foto www.imagephotoagency.it

Inter-Sampdoria, Serie A 2016/2017: cronaca in diretta live con formazioni ufficiali, risultato, pagelle, tabellino e sintesi

Clamoroso a San Siro: la Sampdoria dopo un primo tempo di affanno sfodera una prestazione maiuscola nella ripresa e in rimonta trova il secondo successo stagionale a San Siro. Compattezza, grinta, precisione e grandissimo cuore dei blucerchiati che con Patrik Schick e con un rigore di Fabio Quagliarella ribaltano un match inizialmente in salita e deciso fino a quel momento dal gol di D’Ambrosio. Sei punti su sei al Meazza, la Samp di Marco Giampaolo continua a scrivere la storia.

INTER-SAMPDORIA: CLICCA QUI PER AGGIORNARE LA PAGINA

Inter-Sampdoria 1-2: pagelle e tabellino

MARCATORI: 36’pt D’Ambrosio, 5’st Schick, 40’st Quagliarella (R)

Inter (4-2-3-1): Handanovic 6; D’Ambrosio 6, Medel 5,5, Miranda 5,5, Ansaldi 5; Gagliardini 6 (1’st Kondogbia 5,5), Brozovic 5; Candreva 4,5, Banega 5,5 (21’st Éder 6), Perisic 6 (33’st J. Mario sv); Icardi 4,5. All: Stefano Pioli

Sampdoria (4-3-1-2): Viviano 6,5; Sala sv (16’pt Bereszynski 6,5), Skriniar 7,5, Silvestre 6,5, Dodô 6,5 (25’st Regini 6); Linetty 6,5, Torreira 7,5, Barreto 6,5; Fernandes 6(15’st Alvarez 6,5); Schick 6,5, Quagliarella 7. All: Marco Giampaolo

Arbitro: Celi di Bari

Note: Ammonito Brozovic per fallo di mano e Miranda per gioco scorretto

INTER, IL MIGLIORE

D’AMBROSIO 6: l’esterno nerazzurro spinge molto tutta la partita e trova il gol dell’illusorio vantaggio, soffrendo poco in fase difensiva soprattutto perché la Samp attacca prevalentemente le zone centrali.

INTER, IL PEGGIORE

ICARDI 4,5: L’attaccante argentino vive una serata difficile, con la coppia Silvestre e Skriniar che gli entra sotto pelle chiudendolo in ogni occasione, quando riesce a liberarsi dalla morsa della coppia blucerchiata però riesce a dare il peggio di sé, sbagliando un’incredibile occasione che un attaccante come lui non dovrebbe sbagliare mai in carriera.

SAMPDORIA – IL MIGLIORE

SKRINIAR 7,5 – Gladiatore, serata praticamente perfetta dove gli riesce tutto, soprattutto in chiusura su Icardi che per tutta la partita vede il pallone raramente. Corre, salta, pressa, copre, imposta, improvvisa anche una lotta sulla bandierina e anche in quell’occasione riesce vincitore. Partita da incorniciare per lo slovacco.

SAMPDORIA – IL PEGGIORE

LINETTY 6,5 – Nel primo tempo praticamente non si vede né in avanti, dove latita quasi tutta la Samp, né dietro dove il suo apporto sarebbe richiesto a destra per coprire su Candreva e D’Ambrosio. È proprio da quella zona che arriva il gol nerazzurro. Sarebbe probabilmente la sua peggiore gara in blucerchiato ma nella ripresa sale anche lui di livello e confeziona una prestazione positiva.

Inter-Sampdoria: diretta live e sintesi

SINTESI SECONDO TEMPO – I secondi 45′ del Meazza sono una sinfonia blucerchiata di compattezza e cuore. Il Doria parte subito bene e trova immediatamente il pari con Schick che su colpo di testa di Silvestre si butta sul palo per buttarla dentro. L’Inter accusa il colpo e la Samp acquista fiducia iniziando a gestire palla con più sicurezza rispetto alla prima frazione. I nerazzurri ci mettono poco però a spingere sull’acceleratore per trovare nuovamente il vantaggio. Candreva inizia a salire di giri e dal suo piede arrivano le occasioni più pericolose, in particolare quella del 27′ quando dopo una sgroppata feroce il numero 87 mette un cross dei suoi per Icardi che a porta vuota fallisce il gol del 2-1. Samp sempre più in fiducia, Inter sempre più in apprensione e in campo la differenza si vede: il Doria inizia a dominare gestendo palla e provando a chiudere sempre l’azione. Il vantaggio definitivo arriva al minuto 40 quando da calcio di punizione conquistato da un leggendario TorreiraAlvarez tira forte in porta e trova il braccio di Brozovic con conseguente calcio di rigore che Quagliarella trasforma battendo forte e centrale sotto la traversa. Nel finale reazione d’orgoglio dell’Inter che però non riesce a creare altre situazioni pericolose, la Samp fa la storia e conquista 6 punti su 6 a San Siro: la Juventus ne ha fatti zero.

48′ FINISCE QUI! LA SAMP COMPIE UN’IMPRESA INCREDIBILE E BATTE IN RIMONTA L’INTER!

48′ Ultimi 30 secondi del match, ultima speranza per l’Inter che le proverà tutte

46′ OCCASIONE SAMP! Contropiede di Schick che libera al tiro Regini che non riesce a concludere!

45′ Assegnati 3 minuti di recupero

44′ Finalmente Linetty! Ottima chiusura su D’Ambrosio con conquista del calcio di punizione

42′ Ammonito Miranda per un intervento su Schick

40′ DAL DISCHETTO VA QUAGLIARELLA CENTRALE! 2-1 SAMP!

39′ Batte fortissimo Alvarez che trova una deviazione col braccio di Brozovic: è CALCIO DI RIGORE PER LA SAMP! Ammonito il croato

38′ Torreira sdradica un pallone e si invola verso la porta, Medel lo stende al limite: punizione da posizione ghiottissima

37′ Bella ripartenza della Samp con AlvarezQuagliarella che combinano al limite, la conclusione del numero 27 però è murata da Miranda

36′ Lotta greco-romana fra SkriniarD’Ambrosio sulla bandierina, l’arbitro dà ragione la difensore blucerchiato

33′ Ultimo cambio per l’Inter: fuori Perisic, dentro Joao Mario

31′ Inter in avanti: cross di Éder per Perisic che prova la sforbiciata, pallone che resta lì per Icardi che serve Brozovic che col mancino spara altissimo

27′ OCCASIONE INTER! Candreva scappa sulla destra e mette un cross comodo comodo per Icardi che incredibilmente spara alto davanti alla porta sguarnita!

26′ Samp pericolosa! Bella manovra al limite dell’area che termina con Quagliarella che trova il taglio di LinettyD’Ambrosio ferma tutto

25′ Ultimo cambio per il Doria: fuori uno stremato Dodô, dentro Vasco Regini

24′ Botta terrificante di ÉderViviano dice no, sulla ribattuta fermato Candreva in fuorigioco

23′ D’Ambrosio libera Candreva che col mancino cerca il cross: fuori misura

21′ Secondo cambio anche per Pioli: fuori Banega, dentro Éder

20′ Bella incursione di Dodô che prova il servizio per Schick trovando una grande diagonale di Ansaldi

16′ MIRACOLO DI VIVIANO SU PERISIC! Sul ribaltamento di fronte Quagliarella impegna Handanovic che para col piede

15′ Cambio nella Samp: fuori Bruno Fernandes, dentro Ricky Alvarez

13′ Tiro-cross di Banega, risponde presente il portiere blucerchiato che blocca la sfera

11′ Inizia l’assalto dei cross, Candreva forte in mezzo, c’è Viviano che rilancia subito su Schick ma non lo trova di pochissimo

9′ Perisic ci prova al volo, para comodamente Viviano

7′ Ancora Samp in avanti: Schick mette pericolosamente in mezzo, Miranda si rifugia in rimessa laterale

5′ GOL SAMP! Silvestre svetta da corner, Schick si avventa sul pallone e fa 1-1!

4′ Samp pericolosa! Bella punizione battuta da Torreira, si avventano SilvestreSchick con l’argentino che non trova l’impatto per pochissimo

2′ Icardi ruba palla a Skriniar e mette in mezzo per Perisic, libera Silvestre

21.54 VIA ALLA RIPRESA!

21.50 Le squadre rientrano in campo, e c’è l’immediato cambio per Pioli

21.48 Si scalda con intensità Kondogbia, probabile un suo ingresso in campo al posto di Gagliardini che nel corso del primo tempo ha accusato qualche problema fisico

SINTESI PRIMO TEMPO – Prima frazione al Meazza che vede un copione ben preciso, a fare la gara è l’Inter, Samp che è costretta a difendersi e a provare qualche azione manovrata quando possibile. Le occasioni come prevedibile arrivano dalle corsie esterne dove PerisicCandreva provano a dispensare cross in mezzo senza successo e col numero 87 che al 10′ spreca malamente l’occasione per il vantaggio. Samp che fatica ed è costretta a un cambio con Bereszynski che rileva l’infortunato Sala, tanta difficoltà a servire le punte ma alla prima minima occasione è Quagliarella a far sobbalzare San Siro con un destro potentissimo che va a stamparsi sul palo. I nerazzurri salgono di giri e iniziano a rendersi sempre più pericolosi fino al minuto 36′ quando Candreva in rientro da un fuorigioco non segnalato dall’assistente di Celi conquista il corner da cui scaturisce il gol: Banega mette in mezzo per D’Ambrosio che complice una deviazione del terzino polacco trova il gol del vantaggio. Blucerchiati che provano ad alzare il baricentro e restare in partita e nel finale di primo tempo c’è un’altra occasione importante: Bruno Fernandes riceve un pallone alto e trova un’altra volta il palo, ma è sulla ribattuta la vera occasione ghiotta con Schick che non trova la porta.

47′ FINE PRIMO TEMPO: 1-0 per l’Inter nella prima frazione, decide il gol di Danilo D’Ambrosio

45′ Assegnati 2 minuti di recupero

45′ OCCASIONE SAMP! Altro palo centrato da Bruno Fernandes e sulla ribattuta Schick non trova lo specchio, che sfortuna!

42′ Icardi controlla bene e serve in mezzo Banega che controlla ma viene braccato dai difensori blucerchiati perdendo così l’attimo per la conclusione

41′ Grande azione di Schick che tiene in campo un pallone impossibile e lo gioca bene conquistando un calcio d’angolo

38′ D’Ambrosio cerca la doppietta, ma non arriva in allungo di pochissimo sulla sfera

38′ Si è accesa l’Inter: ancora D’Ambrosio alla ricerca di Icardi ma ancora una volta l’argentino è in offside

35′ VANTAGGIO INTER: D’Ambrosio  sugli sviluppi di un corner riceve un cross di Banega e di destro con decisiva deviazione di Bereszynski batte Viviano

34′ Stessa situazione ma a maglie diverse: Fernandes pesca il taglio di Schick che è al di là della retroguardia interista, fuorigioco

33′ Brozovic dentro per Icardi che però scatta in posizione di fuorigioco: Celi ferma tutto

32′ Che manovra fluida della Samp: Bereszynski dentro col cross per Schick che svetta su D’Ambrosio ma non trova lo specchio della porta

30′ Pericolo Samp! Cross senza troppe pretese di Candreva, Viviano esce in presa ma il pallone sfugge e Bereszynski mette in calcio d’angolo

26′ Ancora Inter: Candreva dentro per Icardi che stacca e cerca il secondo palo, sfera a pochissimi centimetri dal palo alla destra di Viviano

25′ Pericolo per la Samp: Ansaldi crossa teso in mezzo, Dodô rischia l’autogol, Viviano mette in corner

25′ PALO DI QUAGLIARELLA! GRAN BOTTA DEL NUMERO 27 CHE DA FUORI CENTRA IL MONTANTE!

24′ Candreva ci prova da fuori: largo

21′ Incursione di Ansaldi che mette in mezzo, Skriniar mette una pezza rifugiandosi in corner

20′ Gagliardini libera Brozovic che prova il mancino dai 25 metri: altissimo

16′ Problemi per Jacopo Sala contrastato duramente da Ansaldi: al suo posto dentro Bereszynski

15′ Perisic tutto solo va ancora in mezzo per un compagno, Skriniar fa buona guardia

12′ Banega mette in mezzo per Perisic che ancora una volta sul secondo palo prova a coordinarsi ma senza successo

11′ Punizione sulla trequarti per l’Inter, posizione da cross in mezzo

10′ INTER PERICOLOSA! Perisic scappa a Sala e mette in mezzo per Banega, Viviano fa un miracolo ma sulla ribattuta arriva Candreva che controlla e spara incredibilmente fuori!

9′ Cross pericoloso di Candreva per Perisic, conclusione al volo del croato che trova solo il fondo del campo

8′ Candreva si mette in proprio e prova il destro da fuori, mura Skriniar

6′ Lotta in area fra Quagliarella e Ansaldi su un bel servizio di Bruno Fernandes, la spunta l’argentino

5′ Alto il pressing anche dell’Inter, qualche difficoltà in impostazione per la Samp

4′ Perisic prova a svettare di testa, impatta ma non centra la porta

4′ Candreva prova il cross per Icardi, Skriniar mette in corner

3′ Giro palla nerazzurro, pressing blucerchiato, per ora è questa la ricetta dei primi minuti

1′ Subito avanti l’Inter con Icardi che prova a mettere in mezzo per un compagno: chiude tutto Silvestre

20.48 CELI FISCHIA: VIA A INTER-SAMPDORIA!

20.45 Ecco le formazioni che scendono in campo, ottima cornice di pubblico al Meazza

20.36 Piero Ausilio così ai microfoni di Premium Sport: «Con Ferrero abbiamo parlato di cinema, mi vuole vendere il cinema. Scherzi a parte, è sempre piacevole incontrare il presidente, una persona divertente ma capace che ha allestito una bella squadra. Non abbiamo parlato di mercato a pochi minuti dall’inizio della partita. Mercato? Sarà un mercato serio dove verranno fatte poche cose ma cercheremo di farle bene. La rosa è già competitiva e non andremo a intaccare i valori di una rosa che già sta funzionando. Cercheremo giocatori funzionali al progetto, non ho mai parlato di top player. Io voglio riportare l’Inter a vincere e l’obiettivo è tornare a farlo. Futuro di Pioli? Non dipende dal terzo posto. Una società seria cerca di programmare al di là del risultato di una partita. Pioli sta costruendo molto bene con il suo staff. Ora abbiamo 9 finali e le giocheremo tutte dando il 110%».

20.16 Fabio Quagliarella: «Finalmente posso esultare? Spero di farlo, l’Inter è forte, è tosta da affrontare, ben messa in campo, servirà la miglior Sampdoria. All’andata erano in difficoltà, siamo stati bravi. Oggi servirà una grande partita. Siamo in forma, almeno lo eravamo fino a 15 giorni fa, speriamo di confermarci e disputare una grande partita. Schick? Un giovane di grande prospettiva, se è da Inter non lo so, ma ha un futuro molto importante davanti a sé».

20.13 Gagliardini così nel prepartita: «Le gufate dell’Atalanta? Non mi importano, dobbiamo pensare a noi stessi, a questa partita importante e fare i 3 punti. Abbiamo grande voglia di vincere, a Torino abbiamo perso 2 punti, stasera vogliamo recuperare. La corsa all’Europa? È sempre duro competere, ci sono tante squadre in lotta per questo obiettivo, faremo di tutto per prevalere. Sono contento della fiducia del mister, cercherò di ripagarla in campo».

20.10 Massimo Ferrero nel prepartita di Inter-Sampdoria ai microfoni di Premium Sport: «Schick non è in vendita. Se la clausola da 25 milioni vale solo per l’estero? C’è una canzone che fa: ‘Non sono in vendita’»

19.59 Per la Sampdoria qualche cambio e qualche sorpresa: a sinistra c’è Dodô al posto di Regini, a centrocampo Linetty la spunta su Praet per una catena di sinistra nuova rispetto alle ultime uscite. In porta torna Emiliano Viviano, Sala si conferma a destra mentre Schick prende il posto di Luis Muriel.

19.47 Ecco la formazione ufficiale dell’Inter: Pioli sorprende tutti e lancia Brozovic da titolare al posto di Kondogbia in mediana, resto della squadra confermata rispetto alle ultime uscite con Handanovic in porta, D’Ambrosio, Miranda, Medel, Ansaldi, Gagliardini, Candreva, Banega, Perisic e Icardi.

19.30 Lothar Matthäus è sicuro: «Vincerà l’Inter 3-1»

19.16 Giornata particolare per Vasco Regini che oggi festeggia la 100° presenza in Serie A

19.05 Buonasera a tutti e bentornati col campionato di Serie A, trentesima giornata, Inter e Sampdoria a chiudere il quadro del turno, spogliatoi pronti ad accogliere i giocatori

Inter-Sampdoria, formazioni ufficiali: riecco Dodô, Pioli lancia Brozovic

Ecco la formazione ufficiale dell’Inter: sorpresa a centrocampo dove Brozovic scalza Kondogbia e Banega conferma la titolarità su Joao Mario, resto della formazione quella tipo, con D’Ambrosio e Ansaldi esterni bassi, Medel e Miranda al centro e l’attacco composto da Candreva, Perisic e Icardi. Nella Samp grande sorpresa a sinistra: non c’è Capitan Regini ma Dodô, sfuma quindi la 100.a presenza almeno per ora. Resto della squadra confermata col rientro di Viviano tra i pali e Linetty che vince il ballottaggio con Praet, al posto di Muriel c’è Patrik Schick osservato speciale della serata.

Inter (4-2-3-1): Handanovic; D’Ambrosio, Medel, Miranda, Ansaldi; Gagliardini, Brozovic; Candreva, Banega, Perisic; Icardi.

Sampdoria (4-3-1-2): Viviano; Sala, Skriniar, Silvestre, Dodô; Linetty, Torreira, Barreto; Fernandes; Schick, Quagliarella.

Inter-Sampdoria: probabili formazioni e prepartita

Torna in campo la Serie A dopo una sosta che peggio non poteva andare per la Sampdoria: la Colombia ha chiamato Luis Muriel e la gioia per il ritorno in Nazionale si è mischiata al dolore per l’infortunio che lo terrà lontano dai campi per le prossime settimane e ai problemi che ne conseguono. La sfida contro l’Inter diventa così terreno per gli esperimenti da parte di Marco Giampaolo che questa sera proverà sicuramente qualche nuova soluzione offensiva. Inter che invece è conscia della sua forza e vuole proseguire la sua rincorsa al treno europeo che col pari dello scorso turno si è un po’ allontanato ma non ha definitivamente lasciato la stazione, la speranza è ancora viva e i 3 punti in palio questa sera sono importantissimi da questo punto di vista. Samp che dovrebbe confermare in linea di massima l’assetto delle scorse giornate con Viviano che torna tra i pali dopo aver scontato la squalifica, Sala o Bereszynski a destra protagonisti del ballottaggio più acceso della rosa, coppia centrale con Silvestre e Skriniar e a sinistra Vasco Regini. A metà campo tanti diffidati per il Doria, ma ormai gli obiettivi stagionali sono raggiunti, difficilmente il mister sarà conservativo: spazio quindi a Barreto, Torreira e Praet con Bruno Fernandes alle spalle di Fabio Quagliarella e Patrik Schick, all’esame da titolare che tanti hanno chiesto. Inter che dovrebbe scendere in campo con la formazione tipo, il classico 4-2-3-1 di Stefano Pioli: in porta Handanovic, in difesa D’Ambrosio, Medel, Miranda e Ansaldi, a centrocampo Gagliardini e Kondogbia mentre in avanti spazio al trio composto da Candreva, Banega e Perisic alle spalle di Mauro Icardi.

Inter (4-2-3-1): Handanovic; D’Ambrosio, Medel, Miranda, Ansaldi; Gagliardini, Kondogbia; Candreva, Banega, Perisic; Icardi.

Sampdoria (4-3-1-2): Viviano; Sala, Silvestre, Skriniar, Regini; Barreto, Torreira, Praet; B. Fernandes; Quagliarella, Schick.

In conferenza stampa Stefano Pioli ha parlato così della sfida ai blucerchiati: «La Samp gioca bene, Giampaolo è un allenatore preparato, conosciamo i nostri avversari. Oggi, al primo allenamento vero dopo la sosta, ho trovato i miei ragazzi pronti, sia dal punto di vista fisico che da quello mentale. Se mi piace Schick? A me piacciono i miei giocatori. Noi non ci dobbiamo porre alcun limite, se vinciamo tutte le nove partite che ci restano possiamo sperare nel terzo posto. Bisogna affrontare ogni partita con questa mentalità, dare sempre il massimo per ottenere il massimo».

Marco Giampaolo invece punta più alla prestazione e all’atteggiamento dei suoi ragazzi: «Mi aspetto una partita difficile perché con Pioli l’Inter ha svoltato, è una partita difficile ma sono felice che sia così, più sono difficili e più ci danno una migliore definizione di quello che siamo, di quello che la squadra è in grado di esprimere. Schick ha trovato la sua dimensione, Muriel stava giocando benissimo, si completavano e andare a modificare una cosa che funzionava non mi sembrava intelligente. Stavamo raccogliendo i frutti e non era giusto fare delle modifiche. Ora ha la possibilità di giocare e per lui sarà un completamento della sua formazione: non dobbiamo aspettarci che spacchi le partite, è sempre un ragazzo di vent’anni e deve maturare anche questo tipo di esperienza, questo si andrà a sommare al suo percorso fatto fino ad oggi. Il rinnovo? È una formalità, la risolveremo in settimana».

Inter-Sampdoria, i precedenti del match

Sono 65 i precedenti nel Meazza nerazzurro per la Samp, con un saldo largamente negativo che recita appena 7 vittorie per il Doria e 19 pareggi, 39 le vittorie dell’Inter, che guida anche la classifica delle reti realizzate con 120 gol fatti contro i 52 segnati dai blucerchiati. Samp che non passa a San Siro contro l’Inter dal 1996, quando i blucerchiati si imposero per 4-3 rimontando dal 3-1 grazie a Montella, Franceschetti e a Roberto Mancini, che al minuto numero 88 girò per l’ultima volta la partita in favore della Samp. Un’altra vittoria fu quella della stagione precedente, con un secco 0-2 firmato Enrico Chiesa, che riportò una vittoria a San Siro dopo innumerevoli anni che riportano alla memoria le gioie dello Scudetto: infatti l’ultima vittoria prima del duplice successo del ’96 risale al 5 maggio 1991, uno dei tanti 5 maggio indigesti per i meneghini. Dal ritorno in Serie A nella sfide contro l’Inter la Samp ha ottenuto un solo punto dei 15 disponibili: nella stagione 2012/13 l’Inter si impose per 3-2 sulla Samp di Ciro Ferrara, che passò in vantaggio con un gol di Gianni Munari e nel secondo tempo subì la rimonta firmata da Milito, Palacio e Guarin: inutile il gol a tempo scaduto di Éder. Nel 2013/14 pareggio per 1-1 con i gol di Guarin e Renan, nel 2014/15 un calcio di rigore al 90′ diede la vittoria ai nerazzurri con Icardi come marcatore, mentre nella scorsa stagione l’Inter si impose col punteggio di 3-1 con i gol di D’Ambrosio, Miranda e Icardi con gol nel finale di Fabio Quagliarella.

Inter-Sampdoria: l’arbitro del match

A dirigere la sfida di San Siro fra Inter e Sampdoria sarà Domenico Celi della sezione di Bari. Guardiamo i precedenti dell’arbitro con la Sampdoria di Giampaolo: Celi è sicuramente l’arbitro che più volte ha risolto le controversie nelle partite della squadra blucerchiata. Sono ben 21 i match che lo hanno visto designato, distribuiti in nove vittorie, quattro pareggi e otto sconfitte per il blucerchiati. La prima partita in ordine cronologico è quella risalente al campionato 2007/2008, Parma-Sampdoria, vinta dai blucerchiato con il risultato di 1-2. L’ultima è quella giocata a Marassi contro l’Empoli, terminata con il risultato di 0-0, il 15 gennaio. Per quanto riguarda la statistica dei rigori concessi sono quattro gli episodi nella storia di Celi con la Sampdoria: due nella partita Livorno-Sampdoria, vinta dai blucerchiati per 1-2. Entrambi i gol blucerchiati arrivano dal dischetto, il primo realizzato da Eder e il secondo da Nicola Pozzi. Nuovamente un tiro dagli undici metri concesso ai blucerchiati nella partita di Tim Cup che la Sampdoria vinse per 5-4 dopo i calci di rigore contro l’Udinese, il primo precedente invece risale al pareggio, sempre con i bianconeri per 2-2 ad opera di Antonio Cassano.

Inter-Sampdoria streaming: dove vederla in tv

La partita sarà trasmessa a partire dalle ore 20.45 in diretta satellitare sulle frequenze di Sky Sport (canali 201, 206 e 251) e in digitale terrestre su quelle di Mediaset Premium, oltre che in streaming su app iOS, Android e Windows Mobile per smartphone, pc e tablet Premium Play e Sky Go.

Articolo precedente
reginiRegini festeggia: 100 presenze in Serie A
Prossimo articolo
sampdoria inter esultanzaPagelle Inter-Samp 1-2: Skriniar mostruoso, Torreira demiurgo