Juan Antonio shock: «Ferrero mi ha fregato. Con lui manovre strane»

juan antonio sampdoria
© foto www.imagephotoagency.it

L’ex blucerchiato Juan Antonio shock: «Ferrero mi ha fregato, sapeva del Parma. Con lui manovre strane»

Juan Antonio ha 32 anni e per lui il calcio è ormai solamente un ricordo lontano. Con il professionismo ha chiuso cinque anni fa, da quando ha deciso di cambiare completamente vita e darsi alla musica: «Sono contento della scelta fatta – ha spiegato l’ex Sampdoria in un’intervista a tuttomercatoweb.com -. Il mondo del calcio mi ha permesso di guadagnare per poi investire e vivere bene. E io ho sempre avuto l’idea di fare queste cose qui. Il calcio del resto va veloce, la carriera del calciatore è breve. E dopo cosa fai».

Ora suona e vive sereno, è frontman di una band in Argentina, ma per Juan Antonio ci sono stati anche momenti difficili negli anni passati: «Ero alla Sampdoria e finché la gestione era della famiglia Garrone tutto bene: lui, un grande uomo, amato dai genovesi. Società seria. Poi è arrivato Ferrero e sono iniziate le manovre strane. Mi dice che c’è la possibilità di andare al Parma e che avrei dovuto accettare perché alla Samp per me non c’era spazio».

«Mi allenavo con i fuori rosa – ricorda l’ex centrocampista doriano – venivo da un infortunio. Ma mi dispiaceva lasciare i blucerchiati perché ho ottenuto una promozione in Serie A e il popolo genovese mi ha voluto bene. Mi dicono che avrei mantenuto lo stesso ingaggio, accetto il trasferimento al Parma ignaro dei problemi societari di questi ultimi». I rapporti con Leonardi e Ghirardi, che poi avrebbero causato il fallimento del club, sono stati inesistenti: «Non ci ho mai parlato. Non sapevano nemmeno cosa compravano. Facevano scambi solo per guadagnare. C’era qualcosa di strano perché al primo mese non hanno pagato e non chiamavano nemmeno. Dopo quattro mesi mi sono detto: “Qui è un inferno”. Non c’ero più con la testa».

La maglia crociata non l’ha nemmeno indossata. Juan Antonio è passato subito in prestito alla Feralpisalò: «Dovevo ricominciare e avere un po’ di gioia nel giocare. Così ho accettato di scendere in Serie C da un allenatore (Beppe Scienza, ndr) che mi vuole bene. I soldi non erano una necessità. L’ingaggio era a carico del Parma, che però non ha pagato. Alla fine di quell’anno il Parma è fallito: io ho perso di fatto due anni di contratto che avevo ancora alla Samp: il primo perché sono andato al Parma che non mi ha pagato, il secondo perché il Parma è fallito. E ho capito che non volevo avere più a che fare col calcio, pertanto sono tornato in Argentina».

Dichiarazioni pesanti, quelle dell’ex Brescia e River Plate, che sostiene che Massimo Ferrero fosse perfettamente a conoscenza della situazione societaria del Parma e, nonostante questo, avesse spinto per il suo trasferimento: «Credo di sì. Sono stato un giocatore importante per il ritorno in Serie A della Sampdoria e lui mi ha fregato. Se ha fatto questo a me, non oso pensare agli altri. Quando c’è un presidente che non lavora bene ne pagano le conseguenze tutti», ha concluso Juan Antonio.