Kownacki, pensaci tu: Samp spuntata a Sassuolo

Praet Sampdoria
© foto Valentina Martini

Sarà una Sampdoria “spuntata” a Sassuolo: Quagliarella e Caprari devono stringere i denti. Attacco sulle spalle di Kownacki

L’attaccante polacco, al termine della partita contro il Cagliari, aveva ammesso di essere in ottima forma, contento di poter dimostrare le sue qualità con la speranza di poter scendere nuovamente in campo da titolare. Non dovrà aspettare troppo per mettersi in mostra e mandare un messaggio diretto a Nawalka, in vista delle convocazioni mondiali, ma anche allo stesso Giampaolo. Per la partita contro il Sassuolo, il tecnico doriano ha solo il giovane polacco nel pieno della forma, gli altri tre attaccanti non hanno recuperato dai rispettivi problemi fisici. Il responso è stato lapidario in conferenza stampa: «Di quattro attaccanti, ne ho uno solo a disposizione: Kownacki. Quagliarella e Caprari dovranno stringere i denti e Zapata non è convocato». Questa la situazione che presenta Giampaolo alla vigilia di Sassuolo-Sampdoria.

A tre partite dalla fine del campionato, con ancora la voglia di provare a rimanere sul treno per l’Europa League, la situazione degli infortunati complica notevolmente la strada a Giampaolo. Dopo una settimana in cui Caprari, Quagliarella e Zapata hanno fatto avanti e indietro tra infermeria, piscina, palestra e terapie, era quasi annunciato che ci sarebbero state delle defezioni sebbene la speranza fosse di recuperare totalmente almeno uno tra i due attaccanti italiani. Quagliarella e Caprari dovrebbero essere in grado di dividersi un tempo a testa contro i neroverdi e fare da spalla all’attaccante più in forma: alle loro spalle agirà Praet, di nuovo in funzione di centrocampista, confermato da Giampaolo per tenere la carta Ramirez per un cambio offensivo a partita in corso. Il tecnico doriano dovrà fare di necessità virtù, per Kownacki potrebbe essere la partita della consacrazione.