La mediana della Samp secondo Delvecchio e Scanziani

© foto www.imagephotoagency.it

Inutile girarci intorno la Sampdoria del 2016/2017 è ancora tutta da costruire, adesso l’attenzione è rivolta alla questione allenatore e fino a che non si capirà chi sarà, non sarà facile comprendere a fondo i partenti e i possibili arrivi in blucerchiato. Ragionando per reparti: la porta, con Viviano, dovrebbe essere una delle poche certezze. La difesa è da rifondare completamente, il centrocampo è troppo soggetto ai movimenti di mercato, per ogni giocatore che uscirà dovrà esserci un rimpiazzo e già adesso manca qualcuno con esperienza, l’attacco un vero mistero.

L’analisi sulla mediana blucerchiata, secondo due autorevoli ex sampdoriani come Gennaro Delvecchio e Alessandro Scanziani, è legata indissolubilmente alla mancanza di un uomo di esperienza. Ma gli interventi massicci sono da fare in altri reparti. L’opinione di Scanziani, come riportata sul Secolo XIX, è che la Sampdoria ha avuto evidenti carenze in fase difensiva: troppi gol subiti a fronte di quelli realizzati. E, a proposito di quelli realizzati la differenza tra l’Eder visto con Zenga e quello visto poi, per poco, con Montella è stata netta. Da chi ripartire? Difficile a dirsi ora, molto dipenderà come sempre dal calciomercato e dalla volontà dei giocatori, nonché dalle scelte del club. Scanziani punta su Soriano, uno come lui dovrebbe restare, in quanto il senso del gol lo ha e se ogni hanno facesse dieci gol sarebbe tutto di guadagnato. Fernando è al suo primo anno in Serie A, quindi ha un margine di miglioramento notevole. Uno che ha in parte deluso è Barreto che da combattente quale è, poteva fare di meglio. Sugli altri Scanziani basa le sue valutazioni su quel poco che sono stati impiegati: Palombo è un discorso legato all’età e al fisico, seppur l’attaccamento alla maglia non si discuta. Krsticic ha fatto troppe poche partite per lasciare il segno. Insomma al pari con Carbonero e Sala, troppo poco per dare un giudizio, positivo o negativo che sia. A completare la mediana ci sono poi Correa e Alvarez, entrambi rientrano nelle corde di Scanziani, più Correa che l’ex interista reo di non essere ancora esploso.

 

Delvecchio, ripartendo dai singoli, non mette nemmeno in discussione che la Sampdoria possa privarsi di Soriano ma che inevitabilmente sarà difficile trattenerlo. Barreto, invece, ha pagato la generale difficoltà che ha avuto la Sampdoria ma una involuzione simile non è spiegabile e pertanto bisognerebbe dargli fiducia. Condiviso con Scanziani il parere su Palombo e Krsticic, mentre ottimismo per Alvarez: se aggregato alla Sampdoria fino dal ritiro può veramente tornare ai livelli dell’Inter. 

 

Consigli per gli acquisti sono sempre legati a chi avrà il timone della squadra, se fosse Montella bisogna sicuramente puntare su un regista, secondo Scanziani, tipo Valdifiori. Per Delvecchio invece serve una mezzala alla Aquilani per il centrocampo della Sampdoria, oppure uno come era lui: sana cattiveria e qualche gol quando serve. Ma quelli come Delvecchio non li fanno più.

Articolo precedente
Segunda División: Alcorcón sconfitto, strada in salita verso i playoff
Prossimo articolo
Settore giovanile dell’Entella migliore di quello Samp, per Gozzi