La Samp attinge poco dal vivaio: la classifica – FOTO

sampdoria ingresso
© foto Valentina Martini

La Sampdoria, ma quasi tutte le squadre di Serie A, hanno attinto poco dal proprio settore giovanile per comporre la rosa del campionato 2016/2017. La classifica del CIES

Il Football Observatory del CIES, un gruppo di ricerca all’interno del Centro Internazionale per lo Sport situato a Neuchâtel in Svizzera e specializzato nella analisi delle statistiche riguardanti il calcio, ha stilato la classifica dei club che hanno maggiormente attinto dal proprio vivaio in questa stagione 2016/2017. Tenendo come riferimento il periodo tra metà ottobre e metà aprile, sono state individuate le 100 squadre, dei cinque maggiori campionati europei, che hanno utilizzato giocatori cresciuti all’interno del proprio settore giovanile (per almeno tre stagioni, dai 15 ai 21 anni) e la percentuale dei minuti giocati in campionato. Vediamo come si piazzano le italiane e soprattutto la Sampdoria in questa classifica. Nella “top10” non troviamo nessuna squadra appartenente alla Serie A, per trovare la prima squadra italiana dobbiamo scendere in dodicesima posizione: il Milan di Montella ha una percentuale di minuti giocati dai giocatori cresciuti nel vivaio di 29.1, segue l’Atalanta che non rientra nemmeno nella “top20” con una percentuale di 22.9 e al trentasettesimo posto troviamo l’Empoli con una percentuale di 16.2 minuti giocati. La gran parte delle squadre di Serie A si trovano dalla 51esima posizione in poi: Cagliari, Lazio, Napoli e Bologna, Torino e Udinese si attestano nella decade fino alla 60esima posizione. Per trovare la Sampdoria dobbiamo scendere ancora: la Roma al 63esimo posto, poi il Genoa al 67esimo infine la Sampdoria al 71esimo posto con una percentuale di minuti giocati pari al 5.5%. Peggio fanno Palermo, Sassuolo, Juventus e Inter che chiude al 78esimo posto con una percentuale di 1.6 minuti giocati in questo campionato.

Articolo precedente
viviano sampdoriaCalciomercato Sampdoria, Viviano esce dal radar del Napoli
Prossimo articolo
Schick SampdoriaSampdoria, quanti legni: ma la classifica non cambia