La Samp, il Sassuolo e un trend da invertire

sassuolo sampdoria
© foto www.imagephotoagency.it

Se dopodomani la Sampdoria dovesse battere il Sassuolo, si tratterebbe della prima vittoria  casalinga in Serie A contro gli emiliani: fino ad oggi, infatti, il Ferraris è stata una terra di conquista per i neroverdi

Dopodomani finalmente la Sampdoria scenderà nuovamente in campo, dopo la sosta dovuta agli impegni delle Nazionali. Un motivo, questo, di grande sollievo per i tifosi, costretti il week-end scorso a fare a meno della propria amata. Ma un motivo anche per tentare di invertire un trend particolarmente ostile alla casacca blucerchiata. Sì, perché l’avversario di turno, nel lunch match delle 12:30, sarà il Sassuolo di Eusebio Di Francesco, da sempre un avversario ostico per la Sampdoria, specialmente in casa. Basti ricordare, per esempio, che i blucerchiati non hanno mai battuto i neroverdi in casa in Serie A: l’ultima affermazione casalinga, come ben ricorderanno tutti i tifosi, risale infatti all’anno della cadetteria, quando, dopo il provvisorio vantaggio emiliano firmato Missiroli, la squadra di Iachini riuscì a ribaltare lo svantaggio con le firme di Eder e Pozzi.
INVERSIONE – Dopo aver negato il passaggio in Serie A agli emiliani – saliti di categoria l’anno successivo – la Samp, specialmente al Ferraris, ha sempre pagato dazio contro Berardi e compagni. A fare da contraltare alla vittoria ottenuta in Emilia ad aprile 2014- 1-2 firmato Sansone-Okaka – stanno la debacle casalinga rimediata nel girone d’andata di quello stesso anno – 3-4 con tripletta di Berardi e prima vittoria esterna di sempre in Serie A per i neroverdi -, il pareggio per 1-1 nel 2014/15 e, lo scorso anno, un altro crollo spaventoso, quell’1-3 che ha segnato uno dei punti più bassi della deludente gestione Montella. Ecco allora che si presenta l’occasione, per la truppa di Giampaolo, di stabilire un piccolo record e di cancellare questo dato negativo. Guai, però, a dare per morto un Sassuolo che, a corto di punti e di uomini, non ha certamente smarrito, come ricordato da Matri in conferenza, lo spirito combattivo. Certo è che Muriel e compagni hanno l’ottima possibilità di approfittare del momento di crisi degli emiliani, magari togliendo lo “zero” dalla casella delle vittorie casalinghe nel massimo campionato contro la truppa di Di Francesco.