Matri: «Samp, è un Sassuolo arrabbiato»

matri
© foto www.imagephotoagency.it

Matri in conferenza stampa: «La Samp sta facendo bene, ma noi siamo arrabbiati e vogliosi di vincere»

Il Sassuolo, contro ogni previsione, non naviga in acque tranquille e domenica contro la Sampdoria sarà chiamato a vincere per riscattare le ultime gare, nonostante i parecchi infortuni a cui mister Di Francesco dovrà far fronte. L’attaccante neroverde Alessandro Matri è intervenuto questo pomeriggio in conferenza stampa per presentare la gara: «E’ un Sassuolo arrabbiato perché veniamo da tre sconfitte – esordisce – da parte nostra c’è voglia di ritornare alla vittoria. Sappiamo che in trasferta non stanno arrivando grandi risultati. Veniamo da due settimane di lavoro intenso, stiamo recuperando tanti giocatori, quindi diciamo che ci stiamo ritrovando».

CALENDARIO – Per gli emiliani sarà una settimana non semplice in termini di calendario: «Adesso abbiamo tre trasferte, due di campionato e una di Europa League, quindi tre partite abbastanza impegnative. Non dovremo abbassare la guardia. Ora pensiamo alla Sampdoria, che è una squadra che sta bene, sta facendo bene in campionato. Prepareremo la partita al meglio – assicura Matri – ora sono tornati anche i Nazionali. Pensiamo a una partita alla volta, anche perché vista la classifica per noi è ora di pensare al campionato, poi dopo domenica penseremo alla partita di giovedì».

DELUSIONE – L’ex-bomber di Lazio e Milan non sembra essere soddisfatto delle sue prestazioni fin qui: «Mi aspettavo di più da me, ma col mister ho parlato appena sono arrivato, c’era voglia di ritrovare la condizione. Ora penso di stare discretamente bene, ma da me mi aspetto sempre di più, ho voglia di contribuire alla causa e aiutare i miei compagni. La sosta serve sempre a ritrovare la condizione – spiega – perché si sfruttano queste due settimane per aumentare i carichi di lavoro e ritrovare i ritmi».

ASSENZE – Domenica il Sassuolo arriverà al “Ferraris” con tante assenze in organico, su tutte quelle di Berardi e Politano nel reparto offensivo: «Come sopperire alla loro mancanza? Sono scelte che spettano al mister, mancano giocatori importanti ma ce ne sono altri, perché c’è un discreto numero di attaccanti quindi sapremo ricoprire i due o tre posti in attacco. Come e chi giocherà lo deciderà il mister, noi abbiamo preparato al meglio questa partita».