Lanna: «La Samp può mettere in difficoltà chiunque. Praet…»

© foto www.imagephotoagency.it

L’attesa sta finendo e fra pochi giorni le squadre ricominceranno a scendere in campo per la terza giornata di Serie A. La Sampdoria dovrà affrontare all’Olimpico la Roma di Spalletti, che viene da un inaspettato pareggio a Cagliari, mentre i blucerchiati sono partiti col botto inanellando due vittorie di fila. 

A proposito della sfida di domenica ha parlato il doppio ex Marco Lanna, che vede la Sampdoria rinnovata in meglio: «La Samp è una squadra in cui c’è da valutare questo nuovo arrivo, Praet. Ne parlano tutti benissimo, ma bisogna capire dove posizionarlo. Mi sembra una squadra che è stata cambiata tanto, ma ha già fatto vedere un’ottima organizzazione. Muriel si è ritrovato, questa può essere un’arma in più per la Samp. È una squadra che ha capacità tecniche in attacco notevoli, può mettere in difficoltà chiunque. Dietro potrebbe esserci qualche cambio, ma Giampaolo ha già fatto un ottimo lavoro».

«La Roma – prosegue a ReteSport – è una squadra che può competere con la Juve se ritrova la continuità della seconda parte della scorsa stagione. Quest’anno ha avuto qualche problema in più, ma dovrebbe essere nelle prime posizioni senza problemi. L’addio di Pjanic è stato importante, Spalletti dovrà lavorare molto, ma ha ritrovato Strootman che può fare un ottimo campionato. La Roma deve trovare la continuità ma anche la tranquillità. Anche queste espulsioni devono finire. Devono capire che sono una squadra forte, che può vincere col bel gioco. Bisogna ritrovare la continuità del campionato scorso».

Lanna, però, vede anche dei punti deboli nella formazione giallorossa: «Secondo me l’equilibrio. Nella fase difensiva devono ancora trovare l’assetto giusto. Una volta messo a posto questo, la Roma potrà stare tranquilla. Quella con il Cagliari è una partita che le grandi squadre devono gestire e addormentare, devono portarla a casa con i denti. Bisogna tirar fuori degli attributi che la Roma deve ancora imparare».

Sebbene la squadra a cui è rimasto legato di più sia la Sampdoria, non gli dispiace seguire le partite della Roma, di cui ha vestito la maglia per quattro stagioni: «La seguo per il piacere di seguirla – spiega – perché ci sono affezionato e perché mi piace il bel calcio e la Roma quando vuole è una squadra piacevole da vedere. Ha giocatori di grandissimo talento. È una delle squadre che mi piace vedere».