Leverbe, che numeri! La permanenza è a un passo

© foto www.imagephotoagency.it
  1. Leverbe colleziona un’altra presenza nel pre-campionato blucerchiato: mister Giampaolo sembra intenzionato a trattenere il difensore in rosa

L’amichevole di ieri pomeriggio fra Sampdoria ed Hellas Verona, al di là del risultato finale – un fattore che conta in maniera assai relativa in estate – ha fornito alcune importanti indicazioni: in primo luogo, sembra risolto il nodo-trequartista, con Praet provato ancora una volta dietro le punte. Un secondo fattore positivo è rappresentato dall’esordio in blucerchiato di Murru, entrato a mezz’ora dal termine per mettere minuti nelle gambe e ritrovare confidenza col terreno di gioco. Infine, va considerato l’utilizzo, da parte di mister Giampaolo, di Maxime Leverbe: il difensore è sceso in campo nei minuti finali della partita rilevando Regini, collezionando il quarto gettone nelle amichevoli estive. A differenza degli altri elementi aggregati dalla Primavera, il francese è l’unico ad esser stato utilizzato in ogni partita dall’allenatore blucerchiato, un chiaro segnale della fiducia nutrita da Giampaolo nei confronti dell’ex Ajaccio. Certo, nel valutare la situazione va tenuto conto della penuria di difensori centrali, ma non era affatto scontato che il centrale potesse giocare, anche solo per poco. Evidentemente, Giampaolo ancora non è convinto del tutto da Simic – che ieri ha regalato la vittoria agli scaligeri perdendo ingenuamente palla sulla propria trequarti – e sta valutando la possibilità di tenere in rosa Leverbe, magari fino a gennaio. D’altro canto, il difensore ha mostrato maturità e ottime doti, per cui, a prescindere dall’arrivo di un centrale, non ci sarebbe da sorprendersi di una eventuale conferma in squadra. Le partite contro Manchester e Swansea fungeranno da ulteriore banco di prova, ma la sensazione è che per Leverbe ci sia la possibilità concreta di restare in blucerchiato.

Articolo precedente
nicolini sampdoriaNicolini entra nella Sampdoria: «Felici di aver appreso la notizia»
Prossimo articolo
osti sampdoriaDória al Doria: gioco di parole? No, calciomercato!