Lo sfogo di Eysseric: «Sampdoria-Verona non si doveva giocare»

eysseric verona
© foto www.imagephotoagency.it

Lo sfogo di Eysseric su Sampdoria-Verona: «Non avremmo mai dovuto giocare»

Col senno di poi, disputare Sampdoria-Verona l’8 marzo è stato un errore. Il fantasista gialloblù Valentin Eysseric pone l’accento ai taccuini di Le Parisien sulla sottovalutazione del rischio vissuta al “Ferraris”: «Sia in Francia che in Italia, questo virus, all’inizio lo prendevano tutti alla leggera, tranne i dottori. Tutti dicevano: “È solo una grande influenza”, io per primo. Anche noi del Verona, con cui la Sampdoria ha giocato a porte chiuse… Ma non avremmo mai dovuto giocare questa partita!».

«Abbiamo appreso dopo il fatto che diversi giocatori della Sampdoria avevano il virus. Qual era l’utilità di porte chiuse quando si prendeva il treno, l’aereo o l’autobus, si dormiva in hotel, s’incontravano gli arbitri, il personale, addetti alla sicurezza, steward e giornalisti? E non è perché non c’erano 20mila persone sugli spalti che il virus non era presente».