Marco Ansaldo, ambasciatore blucerchiato: «Samp marchio forte, io tifoso da sempre»

marco ansaldo sampdoria
© foto SampNews24

L’ambasciatore blucerchiato Marco Ansaldo: «Sampdoria marchio forte, espandiamoci ancora. Nella mia famiglia si tifa Sampdoria da sempre»

Un profilo di altissimo livello, quello di Marco Ansaldo, uno dei tre “ambasciatori blucerchiati” presentati oggi pomeriggio nella sede di Confindustria a Genova. Genovese e tifoso della Sampdoria, Ansaldo è attualmente corrispondente all’estero per La Repubblica a Instanbul, ma ha viaggiato per la sua professione in moltissimi Paesi: «Cercherò di raccontare molta Sampdoria, già lo faccio da tanto tempo e devo dire che il nome della Samp, così come raccoglie consensi e simpatie in Italia, ne raccoglie tanti anche all’estero. Mi accorgo che, anche nelle realtà più lontane, il marchio è forte e adesso sta tornando forte anche a livello internazionale: insieme agli altri miei due colleghi, perché non provare ad espanderlo ulteriormente?».

Ansaldo è da sempre tifoso blucerchiato: «E’ una questione di generazioni – spiega ai microfoni della stampa presente – i miei avi tifavano ai tempi del Liguria per quella società, e poi al momento della fusione tra Sampierdarenese e Andrea Doria i nonni si sono uniti. Mio padre, mio zio mi hanno trasmesso fin dalla culla questa passione, che naturalmente io trasmetto ai miei figli. Da lontano si vive con grande passione, ma anche patimento e rincorsa continua per essere sempre collegati su eventi e partite: magari con fusi orari diversi, cercando di centrare l’appuntamento e beccare la disponibilità per vederla. Mi godo la partita con le altre persone che, ovunque ti trovi nel mondo, tifano sempre con te per la Sampdoria».

«La società – prosegue – mi ha già dotato di alcuni gadget che vengono sempre apprezzati da uomini e donne, e adesso il discorso diventa ancora più serio, cercando di portare rapporti istituzionali per conto della Sampdoria. Sicuramente ci sono Paesi nella mia zona, dal medio-oriente ai balcani, che possono essere molto interessanti». Un’ultima battuta sulle questioni di campo, con la squadra settima in classifica e alla rincorsa di un posto in Europa League: «Questa Samp credo che possa assolutamente andare in Europa, è nelle posizioni di testa fin da inizio stagione e il prosieguo naturale sarà avere un’esposizione internazionale che possa rafforzare ulteriormente il suo marchio».

Articolo precedente
caroli sampdoriaCaroli presenta le Ambasciate blucerchiate: «Divulgheremo il verbo della Samp»
Prossimo articolo
skriniarSkriniar pronto a tornare al Ferraris: «Sarà straordinario»