Mascherine per i detenuti: l’iniziativa dei tifosi della Sampdoria

sampdoria gradinata sud tifosi
© foto www.imagephotoagency.it

Gli Ultras Tito Cucchiaroni donano 750 mascherine al carcere di Marassi e organizzano una raccolta di generi alimentari per le famiglie in difficoltà

Gli Ultras Tito Cucchiaroni, storico gruppo della tifoseria della Sampdoria, portano avanti le loro lodevoli iniziative di solidarietà. Ben 750 mascherine sono state donate al carcere di Marassi per i detenuti e all’associazione Music For Peace sarà destinata una raccolta di generi alimentari per le famiglie in difficoltà. Ecco il comunicato pubblicato sul loro sito ufficiale.

«In questo periodo di sofferenza per il nostro paese e per la nostra città il nostro gruppo si è mobilitato, attraverso una serie di iniziative di solidarietà, per cercare di fare la propria parte nella lunga e difficile battaglia contro il COVID-19. Tutto ciò che abbiamo fatto non sarebbe stato possibile senza l’aiuto di:

Mario Tullo, il cui interessamento ci ha facilitato il contatto con la direzione del carcere di Marassi, permettendoci di donare 750 mascherine destinate ai detenuti, un’iniziativa che ci sembrava doverosa, in quanto rivolta ad una parte della società troppo spesso dimenticata.

L’associazione “Music For Peace”, a cui destineremo la raccolta di generi alimentari che stiamo svolgendo per aiutare le famiglie in difficoltà.

– L’amico Lorenzo del Bar Tiffany di Nervi, che ci ha offerto un uovo di pasqua da 4 Kg che abbiamo donato al personale dell’Ospedale Villa Scassi di Sampierdarena nella giornata di sabato 11 aprile.

Il gruppo Ultras Legio Augusta della squadra Augsburg. Tra i membri dei nostri gruppi sono nate negli ultimi anni amicizie personali, in onore di queste i ragazzi hanno raccolto EURO 2.005,00 da donare al reparto U.O. Clinica di Malattie Infettive e Tropicali dell’Ospedale San Martino di Genova.

A tutti loro vanno il nostro più sentito ringraziamento e la nostra stima per l’operato così prezioso che hanno messo a disposizione della nostra città».