Motta vuole il derby: «Niente paura, scriviamo la storia»

thiago motta Ranieri genoa
© foto www.imagephotoagency.it

Motta vuole la vittoria nel derby: «Il fatto che il Genoa non lo vinca da anni è uno stimolo in più. Niente paura, scriviamo la storia»

GENOA-SAMPDORIA: STREAMING, FORMAZIONI E DIRETTA TV

Alla vigilia del Derby della Lanterna, l’allenatore del Genoa Thiago Motta è intervenuto in conferenza stampa per presentare il match. Il predominio cittadino, ormai da tempo, appartiene alla Sampdoria: «Il fatto che non vinciamo da qualche anno è uno stimolo in più. Abbiamo la possibilità di fare una grande partita e vincere. È quello che vogliamo. Tutti i giocatori hanno la consapevolezza di cosa significhi giocare per il Genoa e giocare il derby. I colori del Grifone si difendono con voglia e coraggio».

Poca tensione in casa Genoa, nonostante la situazione drammatica in classifica e il rischio esonero: «Ho vissuto benissimo queste settimane – spiega Motta -. Vedo i miei ragazzi fare bene e quindi sono fiducioso. Abbiamo provato varie soluzioni e so che chi inizierà la partita lo farà benissimo, con voglia ed entusiasmo». In attacco, il tecnico potrebbe lanciare una coppa inedita Favilli-Pinamonti: «Come la vedo? Benissimo. I buoni giocatori possono sempre giocare insieme».

Il punto sulle assenze, tra infortuni e squalifiche: «Abbiamo perso giocatori importanti, ma quelli che saranno della gara lo sono altrettanto. Lerager non c’è – anticipa il tecnico – così come Zapata e Kouamé. Gli altri poi stanno bene. Il recupero di Sturaro? Sta molto bene. Dopo un infortunio così lungo ha dimostrato il leader naturale che è e sono molto felice che sia con noi».

Secondo Motta, la classifica non rispecchia il valore del Genoa: «In molte gare avremmo meritato di vincere. Sono convinto che con questo gioco, questo entusiasmo e voglia di lottare potremo far bene. Da quando sono arrivato, i ragazzi si sono comportati benissimo, seguendo i miei consigli e le mie idee. Ora loro possono scrivere la loro storia. Non esiste paura da parte nostra. Affrontiamo la partita per vincere da squadra», ha concluso.