Nodo allenatore da sciogliere, idee per la Samp 2016/2017

© foto www.imagephotoagency.it

Il tira e molla con Vincenzo Montella, partito per le vacanze, non sembra ancora terminato ma la Sampdoria deve cominciare a ragionare per il campionato della prossima stagione, in modo da presentarsi al ritiro con le idee chiare e gli uomini necessari per ogni reparto. E, diciamocelo, di interventi in questa Sampdoria ce ne vogliono tanti.

Partendo dall’idea che il mercato della Sampdoria non prevede giocatori incedibili e che davanti ad una congrua offerta chiunque può partire, l’idea di base dovrebbe essere quella di partire da un modulo e vedere cosa serve per realizzarlo. Il modulo in questione dovrebbe essere il 4-3-1-2 usato da Montella, con Correa trequartista, come riporta il Secolo XIX. Seppur la Sampdoria per esigenze di organico ne ha girati di moduli in questa stagione.

Il calciomercato comunque non è ancora iniziato, seppur la corrida di nomi accostati alla Sampdoria in entrata (e meno in uscita) è già abbastanza lunga. Nomi “forti” tipo Balotelli e Giuseppe Rossi, che di forte hanno anche ingaggio e paiono al momento mere suggestioni. Soriano, tra i partenti, sembra quello con più destinazioni, seppur la pista Inter si sia raffreddata e non poco, pare che sia cercato anche in Bundesliga. Reali contatti invece ci sono stati con Palermo (per Lazaar) e Empoli (per Dioussè) ma le richieste dei club sono eccessivamente onerose.

Comunque bisogna prima sciogliere definitivamente la questione allenatore: c’è da capire in primis chi si siederà sulla panchina della Nazionale (Tavecchio ha garantito che la prossima settimana comunicherà la scelta del prossimo CT, n.d.r.), da capire chi siederà sulla panchina della Lazio, anche se pare resti Simone Inzaghi reduce da un finale di stagione positivo. Ma il club di Lotito a rendiconto ha anche lo stipendio di Pioli e potrebbe “liberarsi” solo qualora la Sampdoria saluti Montella e decida di virare sull’ex Lazio.

Articolo precedente
Tiziana Pucci, la omnipresente consigliera di Massimo Ferrero
Prossimo articolo
2015/2016, il pagellone: Ricky Alvarez