Osti, spazio ai sogni: «Non ci fissiamo obiettivi»

Osti Sampdoria
© foto www.imagephotoagency.it

Osti a ruota libera sul mercato e gli obiettivi stagionali: «Il telefono squilla, ma a gennaio non vendiamo. Futuro? Pensiamo di domenica in domenica»

Settimana da sogno quella che si è appena conclusa per la Sampdoria, che ha ottenuto 7 punti in 3 gare dall’alto coefficente di difficoltà e che ha ripreso la marcia interrotta con la brutta sconfitta di Benevento. A fornire la propria impressione sul momento dei blucerchiati è stato, sulle frequenze di RMC Sport, il ds Carlo Osti: «La vittoria contro la Roma è l’ennesima prova di maturità superata: abbiamo fatto bene, soprattutto nel primo tempo quando abbiamo costruito molte occasioni da goal, poi Zapata ci ha regalato la vittoria. Obiettivi? Non ne abbiamo mai fissati. Pensiamo di domenica in domenica, dobbiamo valorizzare i giovani cercando di raggiungere il massimo obiettivo sportivo, questa è la nostra filosofia. Come abbiamo sempre ripetuto, il mercato di gennaio è stato e resterà tranquillo: il telefono squilla sempre, ma Ferrero è stato chiaro, a gennaio non si vende. Vogliamo andare avanti con questo gruppo, poi a giugno faremo altri discorsi».

Si passa poi a parlare dei singoli; Giampaolo sta dimostrando di essere l’allenatore giusto per questa squadra: «Grande allenatore, sta valorizzando i ragazzi a sua disposizione. Siamo contenti di quanto fatto finora, vogliamo arrivare in alto ma sappiamo che tre settimane fa, dopo Benevento, tutti ci davano per morti. Questo fa parte del calcio. Fra noi e l’allenatore si è creato un buon rapporto però, gli sono stati forniti ottimi giocatori e lui lavora alla sua maniera». Elogi anche per il sorprendente campionato sin qui condotto da Quagliarella: «Fabio è un grande campione, lo sappiamo, lo sapeva tutta Italia, è straordinaria la sua longevità. E’ straordinario per professionalità e impegno ed è un esempio per i giovani dello spogliatoio. Li aiuta a crescere, è un punto di riferimento in ogni momento».