Osti sull’Europa League: «Gli obiettivi vanno raggiunti». E su Torreira…

Sampdoria Osti
© foto www.imagephotoagency.it

Osti sicuro sul futuro di Giampaolo, ma sull’obiettivo Europa League frena: «Speriamo di fare più punti possibili nelle prossime partite»

Nella meravigliosa cornice del Palazzo della Borsa si è tenuto il Galà del Premio Gentleman Fair Play Liguria. I giocatori blucerchiati premiati sono stati Fabio Quagliarella, per la seconda volta considerato il calciatore che più incarna i valori del premio, Duvan Zapata per il migliore gol della stagione 2017/18 e Andrea Tessiore come giocatore rivelazione dell’U.C.Sampdoria. Il direttore sportivo Carlo Osti, intervenuto a margine dell’evento, ha avuto modo di scambiare qualche battuta sul futuro di Giampaolo, Torreira e sul campionato dei blucerchiati: «Giampaolo ha un contratto con noi per altri due anni, facciamo programmi con lui perché siamo sicuri che sarà l’allenatore della Sampdoria nei prossimi anni. Quando ci sono dei contratti in essere vanno rispettati: ovviamente dovremo parlarci, ma questo succede in qualsiasi club, ci si siete ad un tavolo e si discute del futuro che prevede anche il cambiamento di alcuni giocatori della squadra».

Di calciomercato si potrà parlare più avanti, adesso c’è da finire un campionato sicuramente ottimo per i risultati conseguiti: «Chiusura al Napoli per Torreira? È un giocatore della Sampdoria e saremo noi a decidere, ovviamente con l’agente Bentancur, le sorti future del ragazzo. Sull’andamento della squadra bisogna chiedere all’allenatore mentre riguardo all’obiettivo stagionale, personalmente, non ho mai parlato di Europa. Ho sempre detto che la Sampdoria partiva per fare meglio possibile: l’anno scorso ha fatto quarantotto punti, li abbiamo già superati. Speriamo comunque di farne il più possibile nelle prossime partite, difficili, perché ci sono tanti obiettivi in palio anche per le altre squadre, ma che giocheremo per fare il meglio possibile. Gli obiettivi non vanno sbandierati, ma raggiunti: la stagione della Sampdoria è stata più che positiva, noi inizialmente pensavamo che questa squadra potesse piazzarsi tra il settimo e decimo posto essendoci squadre meglio attrezzate. In questo spazio speriamo di ritagliarci la posizione migliore. A quattro partite dalla fine non ci sono partite facili o difficili per la Sampdoria, per la lotta al vertice è ancora difficile dire chi vincerà lo scudetto, credo che la Juventus avendo un punto in più sia avvantaggiata».