Hellas Verona-Sampdoria, Pecchia annuncia: «Da domani si cambia»

pecchia verona
© foto www.imagephotoagency.it

Fabio Pecchia presenta Hellas Verona-Sampdoria: per risalire la china è necessario avere la voglia di cambiare le partite

Hellas Verona-Sampdoria è alle porte: da una parte i blucerchiati che vogliono continuare la striscia positiva di risultati, dall’altra parte i gialloblù a corto di punti, ancora fermi a quota 1 in classifica. Finora sono state 11 le reti subite, mentre è ancora a zero lo score di quelle realizzate. Per Fabio Pecchia, quindi, potrebbe essere l’ultima gara sulla panchina degli scaligeri, dato che un’altra sconfitta potrebbe pregiudicare il suo cammino in Serie A. Per il tecnico del Verona, intervenuto in conferenza stampa, conta più di tutto la voglia di cambiare questo trend: «In questo momento dobbiamo dare un segnale, prima di tutto a noi stessi. Siamo i primi a non essere contenti di quanto fatto fino ad ora, l’obiettivo è quello di provare a fare punti contro chiunque, e per farlo c’è bisogno di prestazioni migliori, di riuscire a gestire meglio il possesso del pallone e di creare più occasioni da gol: solo così potremo vincere le partite e ottenere il nostro obiettivo».

Dopo un inizio di campionato molto al di sotto delle aspettative, iniziano a fioccare le critiche: «Sono uno stimolo per migliorare la classifica – spiega Pecchia – e non per far ricredere qualcuno. Risalire la china è il nostro unico obiettivo, il resto conta poco. A Roma abbiamo provato a giocare in maniera diversa, ma i moduli sono importanti solo fino ad un certo punto. La prestazione, deve passare prima di tutto dall’atteggiamento e non da come siamo messi in campo, sotto questo punto di vista dobbiamo crescere tutti per riuscire ad affrontare le gare con un piglio diverso. Bisogna mettere più ferocia nel riconquistare la palla e nel gestirla al meglio, a cominciare dalla partita di domani contro la Sampdoria».

Sulle ultime prestazioni deludenti, soprattutto da parte dei centrocampisti gialloblù, Pecchia si esprime così: «La forza dell’anno scorso non era del reparto, ma di tutta la squadra, e quest’anno dovremo cercare di raggiungere la salvezza attraverso la stessa filosofia. In questo momento dobbiamo trovare il giusto equilibrio tra tutti i reparti, ma credo che il centrocampo riuscirà presto a fare bene, così come tutta la squadra. La coesione del gruppo – conclude il tecnico – sarà fondamentale per migliorare questa situazione».