Pirateria Serie A, De Siervo: «Ecco chi rischia dopo la maxi inchiesta»

Coronavirus Serie A De Siervo
© foto www.imagephotoagency.it

Luigi De Siervo, amministratore delegato della Lega Serie A, ha parlato ai microfoni di Sky Sport della lotta alla pirateria

Luigi De Siervo, amministratore delegato della Lega Serie A, ha parlato ai microfoni di Sky Sport della lotta alla pirateria.

LEGGI ANCHE – Italia, Evani: «Covid? non facciamo polemiche. Mancini ci darà indicazioni»

INCHIESTA – «La maxi inchiesta è importantissima e rappresenta un punto di svolta, abbiamo fatto apparire sulle varie tv di coloro che guardavano contenuti illegali un messaggio che faceva capire che il segnale era stato tracciato. In questo modo sarà consentito alle Forze dell’Ordine di identificare e perseguire il soggetto. Pagare cifre irrisorie per contenuti che in realtà hanno valore importante non va bene e le ammende vanno da 2.500 euro a 25.000 euro».

UTENTI A RISCHIO – «Gli inquirenti stanno partendo da chi utilizzava fino a chi forniva il segnale. Siamo di fronte a reati gestiti dalla criminalità organizzata e tutte le persone che partecipano a questo network si macchiano di reato penale. La Lega continuerà a investire soldi per spiegare questa cosa a tutti. Chi paga deve continuare a farlo all’interno della legalità».