Connettiti con noi

Gli Ex

L’ex portiere: «Sampdoria? Sono stato bene. Pubblico e Mantovani favolosi»

Pubblicato

su

paolo mantovani

Ivano Bordon, portiere classe ’51, ha parlato del suo passato, soffermandosi anche sugli anni alla Sampdoria di Paolo Mantovani

L’ex portiere blucerchiato, Ivano Bordon, ha parlato del suo passato da calciatore, soffermandosi anche sul periodo alla Sampdoria e sul presidente Paolo Mantovani. Le sue dichiarazioni a reggiosera.it.

BERSELLINI – «Con Eugenio Bersellini ho passato cinque anni all’Inter vincendo uno scudetto e due coppe Italia. Poi io mi trasferii alla Sampdoria e l’anno successivo mi raggiunse anche lui per vincere la prima coppa Italia della squadra genovese. Negli anni che trascorremmo insieme, abbiamo saputo costruire un legame molto forte, anche con la sua famiglia».

SAMPDORIA – «Alla Sampdoria sono stato benissimo. Ho trovato un presidente come Paolo Mantovani che si è rivelato sia un gran tifoso sia un intenditore di calcio, e ho scoperto un pubblico favoloso. Tre anni dove ho avuto l’onore di vincere il primo trofeo della storia blucerchiata, la Coppa Italia per club. Devo ammettere che in tutte le squadre dove ho militato, ho raccolto e ancora ricevo l’affetto dei tifosi, e questo mi gratifica di tutti gli sforzi profusi nel corso della mia carriera. Hanno capito che dietro il giocatore c’è sempre un uomo, ed è quest’ultimo che fa la differenza. Non sopporto vedere i giocatori che baciano la maglia e poi se ne vanno via anche dopo solo tre mesi. Vuol dire che non giocano per amore della squadra, ma per qualcosa d’altro. Non è più sport, è mercato».

Advertisement