Praet rientra in gruppo: il belga vede l’Udinese

Praet Sampdoria
© foto Valentina Martini

Recupero-lampo per Dennis Praet: il centrocampista è rientrato in gruppo e potrebbe ricevere un “premio” da Giampaolo

Aveva destato parecchia preoccupazione l’infortunio patito da Dennis Praet nel recupero di Sampdoria-Roma: il centrocampista belga si era accasciato al suolo dopo un difficile controllo di palla, e il responso dei medici, qualche giorno più tardi, non aveva lasciato spazio a dubbi: lesione al bicipite femorale della coscia destra. I tempi di recupero, stimati in 30-45 giorni, avevano preoccupato la Sampdoria, che aveva anche valutato la possibilità di intervenire sul mercato, salvo poi decidere di puntare sui sostituti naturali dell’ex Anderlecht, Barreto e Verre.

Probabilmente, la scelta del club blucerchiato è stata saggia: non solo perché Barreto ha risposto bene alla titolarità improvvisa, ma anche e soprattutto perché Praet ha letteralmente bruciato le tappe del recupero. Già sabato in conferenza stampa Giampaolo si era detto contento di come procedesse la guarigione del classe ’94, affermando che il numero 18 avrebbe potuto tornare ad allenarsi in gruppo in settimana.

E, come previsto, alla ripresa degli allenamenti a Bogliasco, Praet è tornato a lavorare in gruppo, aggregandosi ai compagni nella prima delle due sedute in programma. Giampaolo, perciò, potrebbe anche decidere, a seconda di come vedrà il centrocampista in settimana, di convocarlo per il match di domenica contro l’Udinese: una convocazione-premio, se così si può dire, per far tornare il giocatore a vivere il clima dello spogliatoio e reinserirlo nelle dinamiche del campionato, più che per farlo giocare, un rischio che lo staff della Samp non correrebbe mai. Si tratterebbe però di una bella soddisfazione, sia per Giampaolo che per lo stesso Praet, che potrebbe poi iniziare a candidarsi seriamente per giocare qualche spezzone a partire dalla gara di domenica 4 marzo contro l’Atalanta a Bergamo.

Articolo precedente
Sampdoria, ingenuità che costano: troppi falli di mano in area
Prossimo articolo
Giampaolo, attento a Oddo: un precedente da non sottovalutare