Giampaolo chiama Jankto: a Cagliari per prendersi la Samp

Jankto Sampdoria
© foto www.imagephotoagency.it

Altra chiamata per Jankto da parte di Giampaolo: il ceco dovrà caricarsi la Sampdoria sulle spalle a Cagliari

Domani sera la Sampdoria sarà di nuovo in campo, dopo la cocente delusione rimediata contro l’Inter al “Ferraris” sabato sera. Nonostante il periodo non sia dei migliori per via dei molti infortuni e della coperta che rischia di essere corta, soprattutto in attacco, la trasferta di Cagliari può essere considerata una possibilità per provare a resettare tutto e a ripartire. Un campo ostico, quello della “Sardegna Arena”, per violare il quale Marco Giampaolo dovrà cercare di attingere al maggior numero di forze fresche possibile dalla sua rosa. In questo senso, specialmente se il tecnico doriano decidesse di alzare Dennis Praet al ruolo di trequartista mantenendo invariato l’assetto tattico, dovrebbe essere finalmente la volta di Jakub Jankto.

CAGLIARI-SAMPDORIA IN STREAMING

Il centrocampista ceco, che dopo un ottimo precampionato sembra aver staccato la spina dopo la sostituzione con l’Udinese, può e deve essere l’uomo in più di questa squadra, non fosse altro per l’etichetta di 15 milioni che porta attaccata alla maglia. Giampaolo sa che tipo di giocatore sia il classe ’96, e il problema è probabilmente la poca confidenza creatasi fra gli schemi dell’allenatore e il modo di giocare di Jankto stesso, abituato ad un sistema totalmente differente. Il tempo però stringe, e la Sampdoria ha bisogno del miglior Jankto anche e soprattutto per far rifiatare Linetty, che contro l’Inter ha denunciato un calo di rendimento fisico. Dopo l’opaca mezz’ora contro i nerazzurri, per Jankto è arrivato il momento di caricarsi sulle spalle la squadra e dimostrare di poter fare bene anche in una squadra di livello e obiettivi più alti rispetto all’Udinese.

Articolo precedente
Sampdoria abbonamentiSalvini spaventa la Serie A: bilanci in ordine o niente diritti tv
Prossimo articolo
giampaolo sampdoriaGiampaolo suona la carica: «Voglio una Samp ambiziosa, cinica e cattiva»