Quagliarella, un gol da urlo: «Non ci credevo neanch’io». E sul futuro…

Quagliarella dopo l’eurogol contro il Napoli: «Istinto e follia, ho capito subito che sarebbe entrata». E sul futuro: «Non lo conosco, a giugno vado in scadenza»

La scena se la prende ancora una volta Fabio Quagliarella, che a 35 anni suonati segna il suo primo gol stagionale con una magia di tacco che firma un perentorio 3-0 sul Napoli. L’attaccante della Sampdoria è intervenuto ai microfoni di Sky Sport nel post-partita: «Quando arrivi a una certa età, se non ti mantieni bene, poi diventa dura. Giampaolo chiede tanto agli attaccanti, si rischia di avere i crampi dopo 20 minuti. Il gol è stato istinto e follia, è andata bene. Io ero fermo lì, ho visto arrivare la palla: invece di darci di tacco interno, l’ho presa col tallone e ho sentito subito, dall’impatto sul mio piede, che sarebbe stato gol. Mi son girato e la palla era quasi all’incrocio – racconta il numero 27 – ero incredulo anch’io a rivedere i replay».

Arrivano anche domande sul futuro per il bomber blucerchiato, che in estate sembrava poter lasciare Genova: «Finire la carriera qui? Sono domande a cui ho già risposto in passato. Si sa l’affetto che provo per Napoli e la città di Napoli, ma è normale che la società faccia altri discorsi: io qui sto benissimo, società e tifosi che mi vogliono bene, un allenatore che mi dà piena fiducia. Il mio futuro non lo conosco, a giugno vado in scadenza. Fino a 38-39 anni vorrei giocare». Un messaggio alla dirigenza della Sampdoria?

Articolo precedente
giampaolo sampdoriaGiampaolo: «Contento per gli esordi, gol di Quagliarella una perla»
Prossimo articolo
ferrero sampdoriaFerrero show: «De Laurentiis, godo!». Poi le battute con Quagliarella e Tonelli