Raddoppiare, anticipare, filtrare: Sampdoria, così si annulla l’Atalanta

© foto www.imagephotoagency.it

Sampdoria-Atalanta, il vademecum per annullare i nerazzurri: raddoppiare sulle fasce, anticipare il centravanti, filtrare gli inserimenti

Ricominciare il proprio campionato affrontando una squadra quadrata e spigolosa come l’Atalanta, per la Sampdoria, non sarà certamente facile: i nerazzurri hanno dimostrato di sapersi ben destreggiare, fino ad ora, con il doppio impegno di campionato ed Europa League e vorranno certamente riprendere il proprio cammino verso le zone alte della classifica. Se i blucerchiati avranno diverse armi da sfruttare per far male alla formazione orobica, lo stesso vale per gli avversari, che in avanti dispongono di individualità importanti in grado di risolvere il match in qualsiasi momento. Vediamo dunque quali saranno i principali pericoli che correrà la retroguardia doriana, e quali potrebbero essere gli stratagemmi per neutralizzare le folate offensive degli uomini di Gasperini. Il tridente d’attacco a disposizione del tecnico di Grugliasco può vantare differenti soluzioni: l’ultima partita dell’Atalanta, pareggiata contro la Juventus, ha visto Gomez a sinistra, Cornelius centrale e Kurtic a destra. Se il Papu non ha bisogno di presentazioni – sarà cura di Bereszynski cercare di arginarlo -, meno si conosce il giovane danese, forte fisicamente ma dotato di buona tecnica e velocità.

Se Gasperini dovesse confermare il classe ’93 al centro del proprio attacco, sarà premura di Silvestre e Regini – o Ferrari – cercare di eclissarlo dal gioco, impedendogli di prendere e difendere palla sui lanci lunghi della difesa. Attenzione poi, sulla zona di destra: di fronte a Strinic potrebbero agire Kurtic o Ilicic, entrambi elementi pericolosi, ma in maniera diversa: il secondo, bravo nel dribbling e dotato di una conclusione chirurgica, andrà tenuto il più possibile lontano dall’area. Fondamentale, in questo senso, sarà il lavoro di ripiegamento di Praet, che dovrà aiutare il proprio compagno in fase di non possesso. Se dovesse invece giocare Kurtic, l’attenzione andrà catalizzata maggiormente a centro area, dove il classe ’89 si è dimostrato più volte abile ad inserirsi. In questo senso, attenzione anche a Cristante, che ha dato prova di ottime capacità d’inserimento – si veda la rete contro la Juve -, anche sulle palle alte.

In linea generale, per la Samp sarà fondamentale il lavoro di filtro del centrocampo: il reparto mediano dovrà coadiuvare soprattutto i terzini con un costante lavoro di raddoppio per evitare i mismatch Gomez-Bereszynski e Ilicic-Strinic. Attenzione particolare, infine, ai calci piazzati: oltre ai sopracitati centrocampisti, l’Atalanta dispone di ottimi saltatori nelle retrovie, come Caldara e Masiello, sempre pronti a salire in caso di situazioni offensivamente interessanti. Se la Samp riuscirà a vincere i duelli individuali sulle fasce e a bloccare gli inserimenti dei centrocampisti nerazzurri, potrà sfruttare allora le proprie qualità per mettere in difficoltà una difesa, come quella nerazzurra, che in questo campionato ha dimostrato di avere qualche crepa in più della scorsa stagione. L’apporto del pubblico, come sempre, sarà poi fondamentale: il dodicesimo uomo in campo potrebbe essere, ancora una volta, quello in grado di spostare gli equilibri della partita.

Articolo precedente
augusto sampdoria giovanili u15Primavera, Sampdoria-Inter 0-2: sintesi e tabellino
Prossimo articolo
Primavera SampdoriaPrimavera, Augusto senza paura: «Convinto delle mie scelte»