Ranieri vuole vincere a Torino: «Non possiamo continuare così»

ranieri sampdoria
© foto www.imagephotoagency.it

Torino-Sampdoria, Ranieri vuole la vittoria: «Il cambio di allenatore non ci voleva, ma non possiamo continuare così»

TORINO-SAMPDORIA IN STREAMING: DOVE VEDERLA IN TV
TORINO-SAMPDORIA: LE PROBABILI FORMAZIONI

La Sampdoria gioca in anticipo nella ventitreesima giornata di Serie A. La formazione di Claudio Ranieri incontrerà domani pomeriggio il Torino, reduce dalla pesante sconfitta contro il Lecce. Il tecnico blucerchiato ha presentato la sfida in conferenza stampa: «Il Torino non ci voleva che cambiasse allenatore. Reagiranno, hanno coinvolto il pubblico e troveremo un ambiente da Toro. Li ho sempre stimati per la forza interiore e l’agonismo. Mi aspetto una gara determinata e combattuta, dovremo esserlo altrettanto. Dobbiamo assolutamente trovare punti a Torino, so che è una squadra che la Sampdoria ha sempre sofferto ma non possiamo continuare così».

Dall’infermeria nessun problema: «Ramirez, Jankto e Quagliarella sono tutti e tre recuperati e ci saranno contro il Torino», assicura Raneri. E sui due nuovi acquisti di gennaio: «La Gumina e Yoshida non possono essere subito pronti. La Gumina è abituato al calcio italiano, ne conosce le difficoltà. Yoshida è un ragazzo sveglio e gli servirà poco tempo a capire i tatticismi del nostro campionato».

Nei primi minuti di gioco la Sampdoria subisce troppo: «Io chiedo ai miei di partire sempre forte, eppure prendiamo gol nei primi tempi. Dovremo lavorare bene su questo. Il cambio di modulo? L’importante è che i ragazzi sappiano cambiare in corsa. Abbiamo fatto così con il Lecce, mentre con il Cagliari abbiamo mantenuto lo stesso modulo. Mi lascio sempre l’opportunità di cambiare, tanto i ragazzi mi seguono e sanno quello che devono fare».

«I ragazzi li vedo sul pezzo, tutto quello che è extra campo non ci interessa. Ho cambiato modulo proprio perché non li vedevo come volevo. Sapevamo tutto del Napoli, le cose che ci avrebbero potuto mettere in difficoltà. Sapevamo che Insigne ci avrebbe potuto mettere in difficoltà e non c’è riuscito. Eravamo concentrati. Nel primo tempo gli esterni uscivano troppo presto, ho dovuto fare delle correzioni nell’intervallo. Ad un certo punto avremmo dovuto accontentarci. Lì avrebbero dovuto avere la malizia e il sangue freddo. Ho fatto vedere loro dove abbiamo sbagliato sul fallo laterale, in quel caso avremmo dovuto stare in un’altra posizione. Ma perché? Stai giocando contro il Napoli, sono quelle piccole cose che si pagano».

Sul gol annullato a Gaston Ramirez, Ranieri ha qualcosa da ridire: «C’è stato un episodio simile in Fiorentina-Spal. Finché non si finisce l’azione non si può andare a riguardare tutto l’episodio. Sono favorevole al VAR, ma bisogna farlo vedere a tutti gli arbitri. Non solo ai santissimi».