Rinnovi? Nessun problema, la Sampdoria del futuro è questa

sampdoria osti
© foto www.imagephotoagency.it

Chiuso il calciomercato, sebbene la questione Strinic-Milan tenga banco, si pensa al rinnovo dei dirigenti: nessuna preoccupazione per Osti e Pradè

Archiviato il periodo dedicato al calciomercato, parentesi di gennaio che mette a dura prova le squadre di Serie A, si può tornare a parlare di calcio giocato, di obiettivi e di campionato sebbene rimanga la questione rinnovi in ambito dirigenziale. Chi continua a metterci la faccia prima e dopo le gare, oltre al Presidente Ferrero sempre presente per la sua Sampdoria, sono il direttore sportivo Carlo Osti e il direttore dell’Area Tecnica Daniele Pradè: entrambi sono in scadenza ma nulla sembra contrapporsi tra loro e un proseguimento di carriera nella società doriana. Sebbene inizialmente c’era chi poteva ventilare finissero per pestarsi i piedi, il tempo ha confermato che i dirigenti hanno saputo formare una squadra unita, competente, precisa e soprattutto competitiva che mezza Serie A invidia alla Sampdoria. Il silenzio sul fatto che, nelle prossime settimane, dovranno sedersi ad un tavolo con Ferrero per prolungare il loro legame con la Sampdoria, non deve essere visto con preoccupazione: Osti e Pradè non parlano di rinnovo perché non è un problema ma una pura formalità, la squadra funziona, è formata dagli uomini giusti, la Sampdoria del futuro sarà questa. Entrambi sono concentrati sugli obiettivi a stretto giro: il campionato, l’Europa League, il futuro mercato di giugno.