Serie A, Gravina: «Vogliamo far ripartire il calcio in sicurezza»

Gravina Serie A
© foto www.imagephotoagency.it

Serie A, Gravina fa il punto della situazione: «Continuo dialogo con il Governo per una partenza in sicurezza»

Seppure permangano diversi dubbi sul protocollo medico scientifico, motivo per cui la FIGC verrà ascoltata dal Comitato Tecnico che coadiuva il Governo nella gestione dell’emergenza Coronavirus, c’è cauto ottimismo sulla ripresa della Serie A. Il presidente della FIGC Gabriele Gravina fa il punto della situazione: «Lavoriamo per far ripartire il calcio in sicurezza, non per farlo ripartire e basta».

RIPRESA RESPONSABILE – «Continueremo a dialogare con le istituzioni animati dallo spirito di collaborazione che ci ha sempre contraddistinto, avanzando proposte, recependo osservazioni e proponendo soluzioni. Abbiamo sempre affermato di voler ripartire quando ci sarebbero state le condizioni e l’orizzonte prospettato dal Governo ci consente di farlo. Siamo convinti della strada che abbiamo intrapreso perché è seria e responsabile, l’unica che persegue l’interesse generale del sistema e quello più complessivo dello sport italiano che, per diversi motivi, sarebbe anch’esso danneggiato dallo stop definitivo del campionato di Serie A»

PROTOCOLLO – «La Commissione medico scientifica della FIGC ha stilato un protocollo molto rigoroso, come hanno fatto tutti gli altri settori che ambiscono alla ripartenza; ma siamo pronti ad integrarlo e a modificarlo recependo le indicazioni dello stesso Comitato, del CONI e riconoscendo l’FMSI quale riferimento scientifico per armonizzare il tutto. Una volta migliorato, ci potranno essere tutti i presupposti per il via libera definitivo al 18 maggio».

CONSIGLIO FEDERALE – «Siamo concentrati sulla fase più delicata dell’emergenza generata dall’epidemia di Coronavirus lavoriamo incessantemente per definire le migliori condizioni per il completamento dei campionati sospesi, pianificando in modo responsabile tutti i passi da compiere, ma anche per definire gli scenari futuri. Ho convocato il Consiglio Federale per l’8 maggio proprio per delimitare il perimetro regolamentare nel quale operare. In un momento delicato come quello che stiamo vivendo, un periodo dove è stato necessario dividere le discipline sportive in individuali e collettive, rivolgo un invito, da semplice tifoso di calcio, a mettere da parte le polemiche sterili, a lavorare insieme e a giocare di squadra per superare la crisi», conclude ai media ufficiali della Federazione.