Sabatini a sorpresa: «Pastore si sposa col gioco di Giampaolo»

Sabatini Pastore
© foto www.imagephotoagency.it

Il responsabile dell’area tecnica della Sampdoria ha commentato il rendimento di Pastore alla Roma: «Ma non fraintendetemi»

Dopo aver elogiato e bacchettato l’allenatore Marco Giampaolo, Walter Sabatini ha riservato parole di amore e odio anche nei confronti di Javier Pastore: «Il suo rendimento in giallorosso mi imbarazza moltissimo, non posso vederlo giocare così. Ho avuto la fortuna di vederlo dominare il campo e abbagliare la gente con giocate soprannaturali. Deve attingere al suo carattere argentino, alla garra e all’orgoglio, altrimenti è meglio che si dedichi ad altro. I calciatori devono aiutarsi da soli, non li può aiutare nessuno».

L’argentino non sta rispettando le attese a Roma e potrebbe presto emigrare in Cina, malgrado qualche fonte di informazione lo abbia proiettato in ottica Sampdoria. I costi lo rendono inavvicinabile, ma il responsabile dell’area tecnica blucerchiata lo vedrebbe bene alla corte di Giampaolo: «È un playmaker a tutto campo, bisogna rimuovere l’idea che possa essere un enganche o un trequartista, deve sempre star vicino alla palla. Lui si sposerebbe alla grande con il gioco di Giampaolo perché fraseggia in ogni zona del campo, però non mi fate andare avanti perché sennò vengo frainteso», conclude scherzando Sabatini a Tele Radio Stereo.