Sabatini e quel Bologna-Samp fatale: «Non conti un c…»

sabatini osti
© foto www.imagephotoagency.it

Sei mesi fa le dimissioni di Sabatini dopo un Bologna-Samp. Lite furiosa con Ferrero: «Non conti un c…»

L’ultima volta che la Sampdoria ha fatto visita al Bologna tra le mura “Dell’Ara”, non c’è stato nessun lieto fine. Non che fosse scontato – lo stadio dei felsinei è un vero e proprio tabù – ma nessuno si aspettava potesse avere un epilogo così negativo come successo in quel pomeriggio dello scorso 20 aprile.

Domenica, quando la Samp affronterà di nuovo i rossoblù, saranno passati poco più di sei mesi dalla lite furibonda tra Massimo Ferrero e l’allora dt doriano Walter Sabatini, avvenuta negli spogliatoi del “Dall’Ara” dopo la gara, persa malamente per 3-0. «Tu non conti un cazzo, il proprietario sono io», le parole al veleno del Viperetta che avevano causato nell’immediato le dimissioni di Sabatini: «Quando un dipendente ha uno screzio così forte con il suo datore di lavoro, è giusto che si dimetta», aveva spiegato il dirigente in serata.