Sampdoria, stai attenta: non è la stessa Inter

brozovic inter-sampdoria
© foto www.imagephotoagency.it

Rispetto all’andata l’Inter ha cambiato qualcosa nel suo assetto tattico. Attenzione a Rafinha e al nuovo Brozovic

Spalletti ha ridisegnato l’Inter in occasione della partita disputata contro il Napoli in cui ha scoperto nuove linee di gioco, affidandosi a giocatori che, fino a poco tempo prima, erano rimasti in ombra. Uno di questi è Brozovic che, nella partita disputata contro i partenopei, ha fatto il suo esordio in campo in qualità di regista. Il croato ha spesso iniziato l’azione portando avanti il pallone ricevuto dalle mani di  Handanovic e, pur avendo subito la forte pressione del Napoli, non ha mai costretto Gagliardini e Rafinha ad arretrare per venirgli in aiuto. Questo dato, misurato contro una squadra forte come il Napoli ma dall’assetto tattico simile a quello blucerchiato, potrebbe portare Spalletti a sceglierlo dal primo minuto andando a mettere in panchina Borja Valero. In aggiunta Gagliardini ha disputato una delle sue migliori partite con accanto il centrocampista croato, permettendo a Candreva e al brasiliano di ricevere velocemente palla per l’affondo sulla fascia.

Ed è proprio Rafinha l’altro giocatore a cui Giampaolo dovrà prestare attenzione: il centrocampista brasiliano è forte, ma soprattutto duttile, potendo giocare in più posizioni senza calare di rendimento. Il suo essere un giocatore completo lo rende ottimo sia in un centrocampo affollato che in una mediana a due, il suo punto forte è la velocità e il saper cambiare gioco creando quindi situazioni di superiorità numerica. L’unico limite è quello dovuto alla continuità, patisce spesso fastidi fisici quindi il tecnico nerazzurro dovrà dosarne l’impiego per cercare di trarre il massimo dal giocatore che non ha i novanta minuti nelle gambe e cala vistosamente se eccessivamente impiegato. Dietro non dovrebbe cambiare nulla, o meglio, dovrebbe essere il solo Cancelo la nuova pedina in campo: D’Ambrosio, Miranda e Skriniar sono considerati inamovibili, sopratutto l’ex blucerchiato ormai diventato l’idolo dei tifosi nerazzurri.

 

Articolo precedente
Belec scalda i motori: titolare contro la sua Inter?
Prossimo articolo
Viviano SampdoriaSampdoria-Inter, il punto: Viviano e Ranocchia a rischio