Sampdoria-Bologna, la prova del nove

giampaolo
© foto www.imagephotoagency.it

Domenica pomeriggio al “Ferraris” c’è Sampdoria-Bologna, una prova del nove per i blucerchiati

Mai prendere sottogamba partite come quella di domenica contro il Bologna, specialmente se la classifica e gli ultimi due risultati – sei punti impronosticabili contro Milan e Roma – lo potrebbero anche permettere. E’ ora di smetterla di essere la Sampdoria buona che si accontenta e regala punti alle dirette concorrenti, è ora di diventare cinici e spietati anche e soprattutto proprio contro queste ultime: la crescita della squadra sotto la gestione Giampaolo deve passare anche da questo punto fondamentale, oltre che dalla pura crescita individuale dei tanti giovani che ogni domenica il tecnico blucerchiato mette in campo. Un’occasione così, alla luce di due risultati che ridanno fiducia dopo una stagione insipida, non capita più. La terza vittoria di fila va cercata e trovata in questo Sampdoria-Bologna, il che sarebbe un record in questa stagione: il filotto della Samp, infatti, si ferma solo a due successi consecutivi, arrivati nelle prime due giornate contro Empoli e Atalanta. Davanti al proprio pubblico, mai mutato negli atteggiamenti e nell’attaccamento nonostante gli alti e bassi della squadra, i blucerchiati dovranno dimostrare qualcosa in più di quanto fatto in passato.

PROVA DEL NOVE – La squadra di Donadoni viene da due figuracce in campionato – prima i sette gol subiti dal Napoli e poi la sconfitta con il Milan arrivata nel finale, nonostante la superiorità numerica di due uomini – e non potrà sbagliare ancora. Il rimprovero del presidente Saputo ha messo sull’attenti i rossoblù, che verranno al “Ferraris” più incattiviti che mai: per questo la Samp non dovrà abbassare la guardia e cambiare il trend che da tempo la caratterizza. Più stimolo, più risposta: maggiore è il blasone della squadra, più mi impegno. Le squadre che puntano a qualcosa di più che ad una salvezza tranquilla non si possono permettere di fare questo ragionamento, e anche una partita sulla carta più semplice come Sampdoria-Bologna dovrà essere giocata al cento per cento. I felsinei sono obiettivamente in difficoltà, starà alla Sampdoria decidere se sferrare il colpo di grazia o fare nuovamente due passi indietro dopo ciò che di buono è stato mostrato ultimamente. Il match di domenica sarà una prova del nove, che in caso di vittoria denoterebbe una certa maturità del gruppo. E a quel punto il calendario, presa la consapevolezza delle proprie qualità, nelle prossime giornate metterebbe in condizione il Doria di poter dare un sapore diverso alla propria stagione, a patto ovviamente che la grinta e il cinismo messo in campo restino invariati. Ma per pensare alle gare successive ci sarà tempo, ora la testa dev’essere rivolta al Bologna e l’obiettivo sarà dimostrare che la squadra è cambiata, non solo sul piano del gioco, e che adesso è in grado di racimolare punti fondamentali anche contro le cosiddette “piccole”.

Articolo precedente
barreto sampdoriaBogliasco, torna Barreto: domani rifinitura e conferenza
Prossimo articolo
romei sampdoriaRomei: «Ausilio? Non abbiamo parlato né di Muriel né di Schick»