Connettiti con noi

Gli Ex

Sampdoria, l’ex Dossena: «Mancini distaccato? No. Ha il fuoco dentro»

Pubblicato

su

Dossena Sampdoria

Beppe Dossena, ex giocatore della Sampdoria, ha commentato la vittoria dell’Italia di Roberto Mancini a EURO 2020

Beppe Dossena, ex giocatore della Sampdoria, ha commentato la vittoria dell’Italia di Roberto Mancini a EURO 2020. Le sue parole a Il Messaggero Veneto.

PARAGONE CON MONDIALE ’82 – «No, sono passati troppi anni per fare un confronto. Allo stesso modo c’è il coinvolgimento emotivo, la solidarietà e la partecipazione delle persone».

MATTARELLA – «Mattarella è sempre composto, ma c’è da dire che le istituzioni sono sempre vicine alla Nazionale nei momenti buoni. A volte vengono utilizzati questi colpi, ma non è questo il caso. Ho visto una partecipazione forte e sincera da parte del presidente».

ITALSAMP – «Un grande gruppo che sono certo abbia saputo creare la giusta atmosfera nello spogliatoio e che avrà dato un contributo fondamentale alla spedizione azzurra».

MANCINI – «Non è cambiato, oggi è lui è lo stesso allenatore che era in panchina alla Fiorentina, alla Lazio e all’Inter. Semmai va detto che le squadre di club hanno bisogno di interventi molto diversi da quelli necessari in nazionale. Caratterialmente Mancini appare sempre molto freddo e distaccato, in realtà ha il fuoco dentro».

SCELTE MANCINI – «Riconosco al “Mancio” una grande sensibilità nella scelta degli uomini. Questa non è una capacità naturale. Venendo da un periodo molto buio per la Nazionale, sapeva di dover ricreare un clima di grande complicità. Ha giustamente coinvolto tutti. Ero convinto che in finale avrebbe rinunciato alla prima punta, poi non lo ha fatto per una sorta di protezione contro il gruppo».

Advertisement
Advertisement

News

Advertisement