Sampdoria, emergenza Coronavirus: il racconto di Rocha

Rocha Sampdoria
© foto sampdoria.it

Coronavirus in casa Sampdoria, Rocha assicura: «Niente panico, ci hanno messo a nostro agio»

La situazione in casa Sampdoria è critica, ma stabile. Manolo Gabbiadini è stato trovato positivo al Coronavirus e nei prossimi giorni tutti i giocatori blucerchiati saranno sottoposti al tampone. Kaique Rocha, intervistato da Uol Esporte, ha raccontato come ha vissuto queste ultime ore: «Non c’è stato panico in squadra, perché abbiamo saputo di Manolo quando avevamo già smesso di allenarci. Non abbiamo potuto supportarlo di persona, ma solo via WhatsApp. Un po’ di paura – ammette il difensore brasiliano – c’è stata solo dopo la notizia del test a cui è risultato positivo, dato che in un modo o nell’altro siamo entrati in contatto diretto con lui. Ora speriamo solo che il virus non si sia trasmesso da un giocatore all’altro e che tutto vada per il meglio».

Adesso, Gabbiadini e compagni si trovano in isolamento: «Abbiamo già fatto scorta di cibo a casa. Finora è andato tutto bene, perciò siamo calmi. Lo staff della Sampdoria comunque ha già dato la sua disponibilità nel portare provviste a chi ne avesse bisogno. Ci hanno fatto sentire a nostro agio. Adesso bisogna stare in casa, pregare e sperare che tutto questo si risolva, perché la situazione è molto critica e sta diventando difficile», ha concluso Rocha.