Flachi: «Damsgaard? Non so nemmeno come si chiami»

damsgaard sampdoria coronavirus danimarca
© foto www.imagephotoagency.it

Francesco Flachi, ex attaccante della Sampdoria, frena gli entusiasmi su Damsgaard: «C’è tempo per le celebrazioni»

Francesco Flachi, ex attaccante della Sampdoria, frena l’entusiasmo su Mikkel Damsgaard nelle parole rilasciate al Secolo XIX.

ENTUSIASMO – «Io onestamente non so neppure ancora come si chiama e aspetterei con i paragoni e le celebrazioni. Sia chiaro non voglio sminuirlo ma neppure cadere nella moda degli ultimi anni di celebrare subito come campioni dei ragazzini dopo poche partite e poi stupirsi se nel grande calcio magari non incidono. Pensate a Bernardeschi e ora vedremo chiesa. Magari esploderanno, magari si è anticipata troppo la celebrazione»

CONSIGLIO – «Non mi riferisco al giovane doriano di cui sento un gran bene e sapete quanto sono affezionato alla Sampdoria, quindi spero davvero che sia così forte. Solo suggerisco di dare ai talenti, tutti, diciamo una stagione e mezzo per mostrare come sono. Almeno quella d’esordio e la successiva. Allora sì che abbiamo elementi, tre o quattro partite sono niente e oggi tra l’altro non sappiamo neppure se sia o no condizionato dal Covid».