Connettiti con noi

Hanno Detto

Sampdoria Futsal, Floresta: «Siamo un grande gruppo. Sentiamo la fiducia»

Pubblicato

su

Damiano Floresta, laterale della Sampdoria Futsal, ha parlato al sito ufficiale blucerchiato: le sue dichiarazioni in vista del campionato

Il laterale della Sampdoria Futsal, Damiano Floresta, ha parlato al sito ufficiale della società. Le sue dichiarazioni sul presente blucerchiato e sulla sua carriera.

CARRIERA – «Buongiorno a tutti, sì, diciamo che girare il mondo ce l’ho un po’ nel mio DNA, l’ho ereditato dalla mia famiglia italo-argentina che, prima che io nascessi, era emigrata a Sassuolo per cercare opportunità di una vita migliore. Io sono nato lì, ma poi, sempre con la mia famiglia, siamo tornati in Sudamerica tra Messico e Argentina, dove ho iniziato a giocare a Futsal, nel River Plate, San Lorenzo e Velez Sarfield. In Spagna, dove ho avuto l’opportunità di crescere ancora nelle giovanili dell’Inter Movistar, prima di un’esperienza in serie A in Svezia, dove ho maturato l’intenzione, se vogliamo il sogno, di tornare in Italia, dove credo un giovane giocatore abbia tutto da imparare. Beh, alla fine, eccomi qui…».

CARATTERISTICHE – «Due cose innanzitutto: sono un giocatore polivalente che si adatta a quelle che sono le esigenze della squadra e sono uno che non molla mai, mi piace definirmi un guerriero. Dal punto di vista più tecnico sono un laterale ambidestro».

ESEMPI – «Non ho veri e propri idoli, ma ho avuto la fortuna di vedere da vicino Ricardinho all’Inter Movistar. Qui comunque ho avuto la fortuna di incontrare un certo Alejandro Vega, per me un grande, uno che sa trasmettere grandissima tranquillità: i suoi consigli sono importantissimi».

IMPEGNO«In Spagna non è stato facile, giocavo a Futsal, andavo a scuola e lavoravo come cameriere: avere il tempo e le energie per il calcio a 5 non è stata impresa facile».

GRUPPO E A2«Sarà dura, tutti giocheranno alla morte contro di noi, ma siamo un grande gruppo, abbiamo voglia di riscattare la stagione scorsa e di ripagare la fiducia che già sentiamo intorno a noi».