Sampdoria-Genoa, le pagelle: orrore Bereszynski, Gabbiadini fa il massimo

Coronavirus Bereszynski
© foto www.imagephotoagency.it

Le pagelle di Sampdoria-Genoa: le disattenzioni difensive puniscono Ranieri. Gabbiadini illumina, Bereszynski distrugge

Audero 5.5 – Assolto dal Var nel primo tempo, non ha particolari colpe nelle reti subite anche se sarebbe potuto essere più scaltro sul tiro di Lerager.

Bereszynski 5 – Ha sulla coscienza il secondo gol incassato. In maniera più che ingenua si fa soffiare il pallone che pochi istanti dopo Lerager trasforma nella rete della vittoria per il Genoa.

Yoshida 6.5 – È il profilo che brilla maggiormente in difesa. Sicuro, fa quel che può per arginare le avanzate del Genoa. Peccato che i compagni, quest’oggi, siano ben poco ispirati.

Colley 5 – Davvero grossolana la disattenzione del centrale della Samp. Il calcione che rifila a Pandev costringe i suoi compagni a inseguire sin dalle primissime battute di gioco.

Augello 6 – Parte benissimo, iscrivendosi tra i migliori. Il suo rendimento cala leggermente col passare dei minuti ma dal suo lato si corrono pochi rischi.

Linetty 6 – Fa quel che può, rendendosi utile in occasione del pareggio di Gabbiadini. Per il resto, all’interno della gara, c’è poco.

Ekdal 5.5 – Solo una mezz’oretta per lo svedese, non troppo brillante, condizionata anche dal problema alla caviglia accusato inizialmente che poi lo costringe ad abbandonare la partita. (Dal 30′ Vieira –

Thorsby 5.5 – La solita corsa al servizio della squadra, per il norvegese, stavolta poco accompagnata dalla qualità. (Dal 75′ Depaoli s.v. – In campo per l’assalto finale, con pochi risultati).

Jankto 6 – Inizia in maniera timida, poi Ranieri lo sprona ed è fondamentale nel gol del pareggio. Col passare dei minuti si spegne anche lui.

Bonazzoli 5.5 – Una giornata di pausa dopo il momento d’oro per il giovane attaccante, preferito a sorpresa rispetto Quagliarella. Dopo quello mostrato nelle settimane scorse è comprensibile. (Dal 63′ Quagliarella 5.5 – Non ha mai delle vere e proprie occasioni per rendersi pericoloso)

Gabbiadini 6.5 – L’unica vera luce della Sampdoria durante la serata. Dall’inferno al paradiso in pochi istanti: prima l’illusione del grande infortunio, poi il momentaneo pareggio. Peccato non basti. (Dal 75′ Ramirez 6 – Sui suoi piedi c’è la palla del pareggio su cui è tuttavia bravo Perin).