Sampdoria, il fisioterapista Vanin: «I calciatori temono gli infortuni» – VIDEO

Il fisioterapista della Sampdoria Vanin racconta la routine medica post emergenza Coronavirus: «Orari scaglionati al campo e test continui»

Alessio Vanin, fisioterapista della Sampdoria, racconta a sanitainformazione.it, la vita degli atleti tornati ad allenarsi dopo due mesi di stop. Tra i calciatori la preoccupazione maggiore è legata agli infortuni muscolari, più che alla possibilità di nuovi contagi, l’attenzione è massima.

ROUTINE – «Ogni 14 giorni facciamo i test sierologici e ogni 4 i tamponi naso faringei. Andiamo avanti con questa nuova routine che ci garantisce di analizzare tutto in tempi rapidi e in maniera cadenzata, abbastanza frequentemente, in modo da permetterci di isolare, nel caso dovesse accadere, nuovi positivi, prima che si possa verificare un nuovo contagio».

PROCEDURE – «Evitiamo code ed assembramenti e diamo orari scaglionati per gli arrivi e le uscite dallo spogliatoio. In questo modo i tempi tendono a dilatarsi, ma è il prezzo che dobbiamo “pagare” per questa nuova realtà».

POSITIVI – «Alla ripresa degli allenamenti  i ragazzi che hanno avuto il Covid sono stati analizzati in maniera molto precisa e approfondita proprio per escludere qualunque tipo di complicanza. Solo durante i primi allenamenti e le prime attività si sono verificate situazioni di affaticamento. Ma è stata una parentesi temporale breve, durata poco più di una settimana, in cui qualcuno ha avuto maggiori difficoltà nella ripresa della condizione. Ora le situazioni sono tutte rientrate e non ci sono criticità o ragazzi che presentano particolari problemi. Quindi non è stato necessario prendere delle precauzioni particolari se non valutare nei giusti modi il carico di allenamento e percezione dello sforzo in maniera tale da gestire bene ogni situazione».

CONTATTI IN CAMPO – «Stiamo seguendo il protocollo ministeriale e siamo convinti che tutto andrà per il meglio. Certo, in campo non è possibile garantire il distanziamento, ma con il supporto dei tamponi e dei test sierologici siamo convinti di poter giocare in sicurezza. La paura che si percepisce tra i ragazzi non è tanto di prendere il Covid, ma piuttosto di farsi male per il carico di lavoro dopo due mesi di inattività e tante partite ravvicinate che li attendono. Per questo siamo molto attenti nell’integrare a fine allenamento sali minerali, zuccheri e proteine con bevande che variano a seconda delle attività che gli atleti fanno in campo. È fondamentale per garantire un’adeguata ripresa con i minori rischi possibili».