Torreira è la chiave del match, Regini possibile soluzione

Torreira
© foto www.imagephotoagency.it

Nessuna scelta scontata in vista della Lazio: Giampaolo aperto a tante soluzioni, seppur limitate dall’assenza di Linetty e Strinic

La Lazio, parola di Giampaolo, non è un avversario facile. Anzi, forse, è più difficile della Juventus che i blucerchiati hanno battuto tra le mura dello stadio di casa. Più complessa perchè la squadra di Inzaghi non solo esprime un buon calcio come gruppo, ma ha giocatori forti individualmente nell’uno contro uno. Insidie che sono evitabili solo mettendo in campo la miglior formazione possibile ed esprimendo il miglior calcio possibile. I timori, senza dubbio, non sono solo a livello passivo, ossia quanto la Lazio riuscirà ad imporre il proprio gioco sulla Sampdoria, ma anche attivi. Torreira è la chiave nonché punto cruciale della gara: nella scorsa stagione la Lazio uscì vincente da entrambi gli scontri proprio mettendo al primo posto l’impedire al centrocampista di impostare la gara secondo i suoi tempi.

Il primo tempo contro la Juventus, per tornare ad una partita importante che ha visto dominare la Sampdoria, è stato sensibilmente diverso dal secondo. Il cambiamento è stato determinato in primo luogo da come l’uruguaiano è riuscito a slegarsi dalle maglie bianconere. Domani, contro la Lazio, sarà una situazione analoga: maglia a centrocampo molto folta, con giocatori tecnici e fisicamente forti. Fin dai primi minuti di gioco si capirà l’inclinazione della partita e se gli schemi studiati da Giampaolo per arginare la Lazio funzioneranno.

La seconda situazione che va districata è il possibile ballottaggio a sinistra tra Regini e Murru: il capitano e l’esterno hanno giocato entrambi nella partita contro il Pescara, ma solo uno dei due domani scenderà sul terreno di gioco per partire da titolare. Non è da escludere che per dare maggiori certezze difensive il tecnico blucerchiato voglia optare per riproporre Regini come esterno, assieme a Ferrari, Silvestre e Bereszynski. Questo non perché Murru non abbia convinto ma, seppur la continuità potrebbe giovargli, la partita contro la Lazio potrebbe diventare molto ostica sulle fasce e questo necessiterà di una maggiore attenzione che il capitano può garantire nei novanta minuti, essendo un ruolo che ha ricoperto nella stagione passata.