Connettiti con noi

News

Dalla mental coach ai panda: i lati nascosti di Stefano Sensi

Pubblicato

su

Dalla mental coach di Marcell Jacobs alla passione per i tatuaggi: tutto quello da sapere su Sensi, nuovo centrocampista della Sampdoria

Stefano Sensi rappresenterà il faro del centrocampo a disposizione di Marco Giampaolo, che sognava un regista di qualità ed esperienza per la sua seconda vita alla Sampdoria. Il centrocampista in prestito dall’Inter sogna di tornare ad alti livelli e prendersi una rivincita sul passato, costellato di infortuni. Fondamentali per la sua rinascita saranno alcuni aspetti della vita privata di Sensi che, forse, non tutti conoscono.


La mental coach di Marcell Jacobs

Tokyo (Giappone) 01/08/2021 – Atletica Leggera 100 mt / Olimpiadi Tokyo 2020 / foto Panoramic/Image Sport nella foto: Marcell Jacobs

Sensi è assistito da Nicoletta Romanazzi, la mental coach dell’oro olimpico Marcell Jacobs. Il centrocampista ha dichiarato in una vecchia intervista: «Ho sempre pensato che fosse una cosa importantissima per un atleta ma non avevo mai fatto il passo verso questa figura. Quando ho deciso, ho capito quelli che sarebbero stati i vantaggi e oggi sento di essere cresciuto come professionista».


La moglie Giulia e la figlia in arrivo

Sensi è sposato dalla scorsa estate con Giulia Amodio, conosciuta ai tempi del Cesena. La coppia è in attesa della loro prima figlia, Ludovica, in arrivo tra qualche settimana.


La passione per moda, tatuaggi e PlayStation

Tante le passioni di Sensi: dalla moda al tennis, passando per PlayStation e tatuaggi. A tal proposito, ne condivide uno con la moglie che raffigura un panda, nomignolo che il calciatore attribuiva alla compagna.


L’idolo di sempre

Mg Milano 22/10/2013 – Champions League / Milan-Barcellona / foto Daniele Buffa/Image Sport nella foto: Xavi Hernandez

L’idolo d’infanzia di Sensi è sempre stato Xavi. La motivazione è chiara: «Ti insegna tanto, in campo ma ancora di più fuori: arrivi dalla Primavera, e ti trovi in competizione con gente che gioca per portare il pane a casa».