Sampdoria-Pescara, Capezzi: «Non semplice sostituire Torreira»

capezzi sampdoria
© foto www.imagephotoagency.it

Sampdoria-Pescara, Capezzi soddisfatto: «Primi mesi a Genova positivi, sto crescendo. Non è facile sostituire Torreira»

Quasi un esordio per Leonardo Capezzi, che ieri sera con la maglia della Sampdoria ha giocato la sua prima gara da titolare. Prima di battere il Pescara per 4-1 e conquistare insieme ai compagni l’accesso agli ottavi di finale di Coppa Italia, il centrocampista toscano era riuscito a racimolare soltanto un minuto di gioco in questa stagione: «Torreira sta facendo un grandissimo campionato ed è importantissimo per questa squadra, per cui non è semplice sostituirlo e ho cercato di dare il massimo. Il bilancio dei miei primi mesi qua è sicuramente positivo – spiega il classe ’95 in zona mista dopo la vittoria -, perché nonostante giochi poco sto dando continuità agli allenamenti e sto crescendo: queste sono le cose che contano». Non è stato facile, tuttavia, adattarsi agli schemi di Marco Giampaolo: «Io vengo da Crotone, lì ho sempre giocato a due, è un ruolo praticamente nuovo per me, ma con l’allenamento sto trovando misure e tempi». La Coppa Italia sarà una competizione importante nel cammino della Sampdoria: «Vogliamo disputare partita dopo partita e arrivare più avanti possibile. Non ci sono sfide semplici, abbiamo visto anche gli altri risultati: noi invece abbiamo cominciato bene, e poi il resto della partita è filato via liscio. E’ importante che anche chi non gioca tanto si faccia trovare pronto. Se non lavorassimo tutti bene quotidianamente, prestazioni come quella offerta contro il Pescara non si verificherebbero». Acceduti agli ottavi di finale, il tabellone metterà di fronte ai blucerchiati la Fiorentina: «Sono cresciuto là, quindi sarà un match particolare – conclude Capezzi – ma adesso ci sono tanti altri impegni prima e dovremo pensare a quelli».