Sampdoria-Pescara, Giampaolo: «Dovremo essere al top». E svela la formazione

convocati Sampdoria giampaolo caprari
© foto Valentina Martini

Sampdoria-Pescara, Giampaolo presenta il match di Coppa Italia: «Non sottovalutiamo nessuno e ripartiamo nella maniera giusta. Ecco chi giocherà domani»

Intervenuto ai microfoni di SampTV, il tecnico della Sampdoria Marco Giampaolo ha presentato l’impegno di domani sera contro il Pescara, che varrà l’accesso agli ottavi di finale di Coppa Italia: «Non è un riscatto della sconfitta di Bologna, quella è già acqua passata. Vittorie e sconfitte si mettono alle spalle, man non l’attenzione e il ripartire con la giusta mentalità. Anche se questa è stata corta, in settimana bisogna costruire i presupposti per vincere la settimana successiva». La differenza con il campionato non si sentirà: «La Coppa Italia è una competizione nella quale vogliamo andare avanti, almeno fino a quando la squadra avrà la forza e i meriti per guadagnarselo. E’ una competizione sentita, che dobbiamo onorare, ci teniamo a fare bene». Anche se retrocesso in Serie B, il Pescara sarà comunque un avversario temibile: «Conteranno la motivazione, l’impegno e l’attenzione con cui si andrà a giocare questa partita. La differenza di categoria esiste solo quando giochi al 100% delle tue possibilità – ricorda Giampaolo – altrimenti il gap si annulla, come sempre. Il Pescara è una squadra di tutto rispetto: gioca a calcio e ha idee, non fa barricate, ma gioca sempre per fare un gol in più. Abbiamo visionato oggi quelle che sono le qualità e le caratteristiche del nostro avversario, non vogliamo sottovalutare niente e nessuno». Niente pretattica, Giampaolo non si fa problemi a svelare già quale sarà la formazione che scenderà in campo domani: «Questa partita ci impegnerà, e vi dovremo far fronte con le nostre migliori risorse fisiche e mentali. Giocherà, come sempre, la miglior formazione per poter vincere, al netto di qualche infortunio di troppo e di qualche giocatore che deve recuperare energie: giocheranno Puggioni, Sala, Silvestre, Regini, Murru, Praet, Capezzi, Verre, Ramirez, Kownacki e Caprari», conclude il tecnico blucerchiato.